Salvo Mizzi

Salvo Mizzi nominato Innovation, Omnichannel & Customer Engagement Director di Recordati Pharmaceuticals Italy

Condividi

Recordati Spa, gruppo farmaceutico internazionale, fondato in Italia nel 1926 da Giovanni Recordati, con casa madre a Milano, oggi controllato dal fondo CVC, ha ingaggiato Salvo Mizzi, un super esperto del mondo di internet e del digitale per accelerare lo sviluppo dell’innovazione dell’azienda che, quotata in Borsa, ha chiuso il 2021 con ricavi per 1.580 milioni di euro, e un utile netto di 386 milioni; nel primo semestre 2022 i ricavi registrano un aumento del 15,8%.

Salvo Mizzi ha una lunga esperienza manageriale nel mondo internet e nel digitale, si è occupato di sviluppo degli investimenti tech, venture capital e open innovation. È stato infatti responsabile innovation e digital innovation in Telecom Italia/TIM, ceo di TIM Ventures e di Invitalia Ventures; General Partner in Principia e poi direttore generale in ENEA Tech, oltre che tra i principali ispiratori della nascita del Fondo Nazionale Innovazione. Esperienze che gli hanno permesso di costruire una forte competenza di implementazione di nuove tecnologie anche in ambito health e dei servizi digitali innovativi delle industry, come elemento di trasformazione e costruzione di nuovi modelli organizzativi.

Salvo Mizzi
Salvo Mizzi


 
Mizzi, che riporta a Massimo Grandi, VP Southern Europe SPC Region and GM Pharmaceuticals Italy, contribuirà ad accelerare lo sviluppo dell’open innovation e del “multi-channel customer engagement”, oltre a identificare nuove opportunità di crescita. In particolar modo, si occuperà di definire la roadmap per l’inserimento di piattaforme digital health dedicate all’identificazione di nuove attività di mercato, basate sulla strategia “go to market” che Recordati sta implementando. Inoltre Mizzi svilupperà – anche in collaborazione con startup, acceleratori e università o centri di ricerca – progetti, applicazioni ed attività digitali, gestendo il rapporto con gli stakeholders esterni. 
Mizzi è Kauffman Fellow dal 2013 e presidente di We School, piattaforma italiana leader nella digital education.