Sabato, domenica e lunedì. Spettacoli, musica, fotografie

Condividi

Il calvario di Aldo Moro filmato da Marco Bellocchio. Il ritorno di Daniele Gatti alla Scala. Le foto (anche) inedite di Robert Capa. Spettacoli, danza, libri. E un influencer in scena

Daniele Gatti (ph. Brescia/Amisano – Teatro alla Scala)

Musica, maestro

Daniele Gatti sabato dirige l’ultima replica del concerto con cui ha inaugurato la stagione sinfonica del Teatro alla Scala: la Sinfonia n. 3 di Mahler, solista il mezzosoprano Elina Garanca. Il maestro Gatti, da poco nominato direttore della Staatskapelle di Dresda, debuttò alla Scala nel 1989. Causa Covid e tanti altri impegni, mancava però da Milano da quattro anni. Al rientro – dice – avverte una sensazione “frizzante” nel lavorare in questo mondo “che impegna tutta l’orchestra nel suo massimo dispiego”. A dar vita al concerto, con anche Coro femminile e Coro di voci bianche, saranno infatti oltre 100 i musicisti dell’Orchestra della Scala.

Sara Cano, Riccardo Moro

Olè

Si festeggia sabato la Giornata mondiale del flamenco, anniversario della proclamazione di questo ballo come Patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Al Piccolo Teatro di Milano, per il Milano Flamenco Festival, si esibiscono in ‘Mujer de pie’ la danzatrice Sara Cano (anche regista dello spettacolo) e il ballerino Ricardo Moro. Ad accompagnarli le voci di Alberto Funes y Al Blanco.

Pierluca Mariti

Influencer in scena

Il Teatro Franco Parenti presenta a Milano (12/10) ‘Ho fatto il classico’. Lo spettacolo è firmato dall’influencer @piuttosto_che, ossia Pierluca Mariti. 33enne, diplomato ovviamente al classico, per 7 anni manager di una multinazionale: con il Covid Mariti si è scoperto una passione per la stand-up comedy. Ma ha iniziato anche a dedicarsi intensamente ai social, con il profilo @piuttosto_che. Conduce inoltre il programma ‘Piuttosto
Che’ su Radio Lattemiele e collabora con Domani. Al Franco Parenti riprende alcune letture classiche con gli occhi di oggi.

Leon Trotsky, 1932 (Magnum Photos)

Sguardi nella storia

Primo fine settimana di una mostra che resterà aperta fino a marzo. ‘Robert Capa. Nella storia’ è promossa dal Comune di Milano e realizzata da 24 ORE Cultura in collaborazione con Magnum Photos. L’esposizione al Mudec di Milano è curata da Sara Rizzo e presenta le immagini realizzate dal grande fotoreporter ungherese scomparso nel 1954. Molti i reportage di guerra, che coprono dalla guerra civile spagnola al secondo conflitto mondiale. Alcuni ritratti di persone sconosciute e di personaggi che hanno fatto la storia, come Trotsky. In totale, 80 stampe, alcune delle quali inedite in Italia.

Per fortuna c’è Topolino

Il festival ‘Testimonianze ricerca azioni’ organizzato a Genova da Teatro Akropolis, con la direzione artistica di Clemente Tafuri e David Beronio, si conclude domenica con ‘Topolino’. Lo spettacolo è una creazione del Teatro Medico Ipnotico, della famiglia di Patrizio Dall’Argine. La storia vede un capocomico sul punto di chiudere la sua compagnia di burattini. Ma per fortuna arriva Topolino (salvatore che molti teatri auspicherebbero).

Fabrizio Gifuni

Chi non salvò Moro?

Lunedì su Rai 1 la prima di tre puntate di ‘Esterno Notte’. La bella serie di Marco Bellocchio, uscita prima dell’estate al cinema, riporta l’attenzione del regista sul rapimento e la morte di Aldo Moro. Se il precedente ‘Buongiorno, notte’ si focalizzava però sulla cella e le Br, adesso la cinepresa si allarga a politici, compagni di partito, Papa… tutti quelli che non lo salvarono. Fabrizio Gifuni interpreta lo statista, rapito e ucciso nel 1978, in questa produzione di Lorenzo Mieli per The Apartment, con Simone Gattoni per Kavac Film, la collaborazione di Rai Fiction e la coproduzione Arte France.

Leggi che ti passa

Si inaugura lunedì la nuova edizione di Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole’. 227 mila gli studenti coinvolti, e oltre 13 mila i lettori volontari: scrittori, giornalisti, attori, librai… La campagna – promossa dal ministero della Cultura – ha come tema portante ‘Se leggi sei forte!’. All’inaugurazione partecipa, con gli studenti di Ladispoli (Roma), Daniele Mencarelli: l’autore di ‘Tutto chiede salvezza’ (Mondadori), da cui è stata tratta l’omonima serie Netflix. Fra i lettori volontari, anche i giornalisti del Corriere della Sera, il Messaggero e la Repubblica.