Fiorello (foto LaPresse)

Fiorello ironico su Rai e Mondiali: spesi 200 milioni per i diritti?

Condividi

Lo show man siciliano dice la sua sulla manifestazione calcistica. Puntando il dito sul mancato rispetto dei diritti umani nel paese

Con lo stile che lo contraddistingue, Fiorello ha parlato dell’avvio dei Mondiali sempre più vicino. “Noi abbiamo bloccato il nostro campionato, il campionato più bello del mondo, per dare spazio ai Mondiali in Qatar. Un Paese che non è tradizionalmente calcistico. Quando mai in Qatar hanno giocato a pallone? Quando mai lì c’è stato un campionato di calcio? Dove giocavano? Nei pozzi di petrolio? Non c’era lo spazio. C’erano le trivelle”, ha ironizzato durante ‘Aspettando Viva Rai2!’, dal suo profilo Instagram ieri mattia.

“Si dovrebbero ritirare tutti da questo Mondiale”, ha continuato, andando a riferirsi alla questione ben più seria dei diritti umani, che sta catalizzando sempre più l’attenzione, portandola fuori dal campo di gioco.
“Un Paese dove tutti gli abitanti, “i qataresi”, sul loro zerbino hanno scritto “Diritti umani”. E loro li calpestano ogni giorno. Avete sentito cosa hanno detto degli omosessuali? Tutti i tifosi e gli addetti ai lavori saranno chiusi in una Fan Zone, in uno spazio ristretto, e se poi escono da lì saranno arrestati”.
“E noi chiudiamo il campionato per tutto questo? E la Rai, ha stoccato, ha speso 200 milioni per prendere i diritti di questi Mondiali?”.