Bandiera Ue (Photo by ALEXANDRE LALLEMAND on Unsplash )

Uomo, algoritmo e accessibilità. Nasce la dichiarazione Ue sui diritti digitali

Condividi

Al centro i valori europei per guidare la trasformazione digitale

Gli Stati membri dell’Ue, il Parlamento europeo e la Commissione hanno negoziato la dichiarazione europea sui diritti digitali e sui principi per il decennio digitale.

“Stabilisce un chiaro punto di riferimento sul tipo di trasformazione digitale incentrata sull’uomo che l’Ue promuove e difende, in patria e all’estero”, il commento della Commissione europea sul testo. “Si basa sui valori e sulle libertà fondamentali dell’Ue e andrà a vantaggio di tutti i cittadini e le imprese”.
La presidenza ceca intende sottoporre quanto prima l’accordo ai rappresentanti degli Stati membri (Coreper) consentendone la firma da parte delle tre istituzioni cofirmatarie durante il Consiglio europeo di dicembre.

Il contenuto

L’iniziativa mira a promuovere i valori europei nell’ambito della trasformazione digitale, mettendo le persone al centro, con la tecnologia digitale a vantaggio di tutti gli individui, le imprese e la società nel suo complesso.
Il testo richiama tutti i diritti pertinenti nel contesto della trasformazione digitale e dovrebbe servire da punto di riferimento per le imprese e altri attori pertinenti nello sviluppo e nell’implementazione di nuove tecnologie.

Dovrebbe anche guidare i responsabili politici nella riflessione sulla loro visione della trasformazione digitale: mettere le persone al centro; sostenere la solidarietà e l’inclusione, garantire la connettività, l’istruzione digitale, la formazione e le competenze, nonché l’accesso ai servizi digitali online.

Uomo, algoritmi e accessibilità digitale

La dichiarazione sottolinea l’importanza della libertà di scelta nelle interazioni con algoritmi e sistemi di intelligenza artificiale e un ambiente digitale equo. Fa inoltre appello ad aumentare la sicurezza e la protezione nell’ambiente digitale, in particolare per bambini e giovani.
Gli Stati membri, il Parlamento e la Commissione si impegnano inoltre a sostenere lo sviluppo e l’utilizzo di tecnologie sostenibili.