Bandiera Ue (Photo by ALEXANDRE LALLEMAND on Unsplash )

Big tech, entrano in vigore le regole Ue sui servizi digitali

Condividi

Entra in vigore oggi nell’Ue la nuova legislazione europea sui servizi digitali (DSA), un insieme di norme per creare un ambiente online sicuro e responsabile limitando gli strapoteri delle ‘Big Tech’.

La nuova legislazione si applica a tutti i servizi digitali che mettono i consumatori in relazione con beni, servizi o contenuti. Crea nuovi obblighi globali per le piattaforme online per ridurre i danni e combattere i rischi, protezione dei diritti degli utenti online e colloca le piattaforme digitali in un nuovo quadro unico di trasparenza e responsabilità.

Le nuove norme, segnala l’esecutivo Ue in una nota, offriranno agli utenti nuove tutele e alle imprese una certezza giuridica sul mercato unico.
La Commissione avrà ora anche il potere di controllare direttamente le grandi piattaforme online o i motori di ricerca con oltre 45 milioni di utenti, che avranno ulteriori obblighi e valutazioni annuali sui rischi legati ai loro servizi. L’esecutivo Ue sta istituendo un Centro europeo per la trasparenza algoritmica, per sostenere il suo ruolo di sorveglianza grazie a conoscenze multidisciplinari interne ed esterne.

Gli step per adeguarsi

Dall’entrata in vigore oggi, le piattaforme online avranno 3 mesi per segnalare il numero di utenti finali attivi (17 febbraio 2023) sui loro siti web. La Commissione valuterà quindi se siano da designare come grande piattaforma online o motore di ricerca. E da lì l’entità in questione avrà 4 mesi di tempo per conformarsi agli obblighi previsti dal DSA, inclusa la realizzazione e la fornitura alla Commissione del primo esercizio annuale di valutazione del rischio.