Pirelli presenta le nuove Muse di TheCal 2023

Condividi

È stato presentato ieri sera il nuovo calendario Pirelli. La 49esima edizione è stata affidata alla fotografa australiana Emma Summerton. Che ha scelto “le donne straordinarie che mi hanno ispirato”.

Guinevere van Seenus, la fotografa


Il titolo è ‘Love Letters to the Muse’, lettere d’amore alle Muse. Sono 28 scatti di 14 modelle che creano un ponte tra sogno e realtà, e interpretano ognuna una nuova musa.
TheCal 2023 parla di consapevolezza e resilienza, mescolate a bellezza, forza, talento.
La musa fotografa, interpretata da Guinevere van Seenus, è il punto di partenza, un po’ autobiografico, del progetto.

Bella Hadid, il folletto

Poi ci sono Sasha Pivovarova, pittrice; Cara Delevingne , performer; Bella Hadid, il folletto; Lila Moss (figlia di Kate) la veggente; Emily Ratajkowski, la scrittrice; Kaya Wilkins, la musicista, He Cong la veggente.

Ashley Graham, l’attivista


L’attivista è interpretata da Ashley Graham, modella curvy e paladina insieme a Precious Lee (la Narratrice in TheCal) della body positivity.

Lauren Wasser, l’atleta


Senza dimenticare Adut Akech (la cacciatrice di sogni), che incarna la storia poetica della sua vita di riscossa, dal campo profughi alle passerelle; Adwoa Aboah (la regina) che partendo dalla propria esperienza di dipendenza e depressione ha fondato l’organizzazione no profit Gurls Talk, che si occupa di benessere e salute mentale delle donne.

Cara Delevigne, la performer

Karlie Kloss, l’esperta di tecnologia che scende dai tacchi e promuove borse di studio e corsi di Coding dedicati alle ragazze per dare un’opportunità e ispirarle a perseguire le loro passioni. Non ultima Lauren Wasser, l’atleta che sfila con le sue protesi d’oro. “Sono resiliente e il simbolo di quanto sia importante andare avanti, ma non mi sento un’eroina, lavoro perché non succeda ad altri”.

Precious Lee, la narratrice

“Volevo offrire alle donne una piattaforma per rappresentare chi sono, che cosa effettivamente fanno” spiega Emma Summerton. Che poi ha ritratto le due muse in un’atmosfera surreale, un po’ onirica, quasi “il sogno di un mondo diverso”.

Emily Ratajkowski, la scrittrice

“Sentivamo che la pandemia stava finendo – ha spiegato il presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera – non consci che dopo pochi mesi saremmo entrati in un altro incubo, volevamo guardare il mondo con un occhio di sogno perché la bellezza, la qualità per un mondo diverso era il sentimento che muoveva tutti”.