Letizia Moratti (Foto LaPresse)

L’aria che tira sui giornali. Un leader per la sinistra

Condividi

Lo chiedono tutti giornali e opinion leader. I leader del Pd in grande confusione, mentre Letizia Moratti scalda i motori.

Ma cosa aspetta ancora il Pd, insomma la sinistra, a darsi una sveglia, una mossa e magari anche un leader che riesca a dare finalmente un volto credibile, anche in Parlamento, all’opposizione e poi anche fiducia o almeno sollievo e coraggio a tutti quegli elettori che oggi considerano indigesto, ormai quasi da mal di pancia, il rampante melonismo salviniano.

E anche i media -giornali e tv- friggono in attesa che accada qualcosa. “Caro Letta, dicci qualcosa di sinistra” invoca su La Stampa Michela Murgia; “questa sinistra dell’irrivelanza aiuta la premier”, scandisce Antonio Padellaro su Il Fatto
quotidiano. “Ormai nessun elettore capisce più le idee del Pd”, scrive il Domani, che poi, con un’intervista ad Andrea Orlando, mette il dito sulla piaga perchè: “c’è troppo silenzio da parte di chi pensa a guidarlo”.
Che poi sono una sfilza perché, oltre ai sindaci di Pesaro, Bologna e Firenze, c’è chi, prima di metterci la faccia, cerca solidi appoggi che non è facile trovare perché, scrive su Repubblica Graziano Del Rio: “è l’individualismo la radice dei nostri mali”.

Con l’aggiunta, quando non si sa e forse non prima di febbraio, che il prescelto dovrà anche o decidere se fare cordata con i 5 stelle o con i Calenda-Renzi o con nessuno.
Ed è, sul Corriere della sera, Ernesto Galli della Loggia a cavalcare la prima ipotesi perché “che guaio sarebbe per il Pd avere un nemico a sinistra”.
Con un problema da “sì o no alla Moratti” che sta facendo venire il latte alla ginocchia a mezzo partito anche perché lei, dopo l’assist ricevuto ieri anche dall’ex patron di Repubblica Carlo De Benedetti, non demorde. ”Vado avanti, posso vincere, non ho etichette” dichiara al Corriere.
Ma a chi toccherà decidere se dirle sì o no? Ma può un partito in palese crisi aspettare Babbo natale, la Befana o addirittura la primavera per conoscere il nome del suo nuovo leader?