Andrea Abodi (foto Ansa)

Abodi: Varnier scelta giusta; da Milano-Cortina lascito di infrastrutture alle comunità

Condividi

“Varnier scelta giusta per Milano-Cortina? Ho valutato e misurato le qualità della persona e me ne assumo le responsabilità che ho messo poi a disposizione del presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Ho ringraziato Novari quando ha finito il suo percorso, è un po’ una staffetta. Si è passato il testimone ad una persona che ha una grande esperienza a livello manageriale in senso lato, grande esperienza in ambito olimpico, ed ha già saputo cosa fare perché conosce l’unicità del modello olimpico e paralimpico di questi giochi diffusi sul territorio. Una logistica organizzativa complessa, l’uomo è all’altezza del compito, ha le caratteristiche umane”. Lo ha detto il Ministro per lo sport e i giovani Andrea Abodi all’Adnkronos sulla nomina di Andrea Varnier a Ceo di Milano-Cortina

“Che eredità potranno lasciare questi Giochi? Il Cio non cerca solo la solennità di quei giorni dei Giochi ma il lascito alle comunità. Quindi infrastrutture civili, sostenibili, non ridondanti e infrastrutture sportive. Il master plan si assesterà su questi presupposti irrinunciabili. Il mio impegno è di aggiornare sul processo attuativo e di implementazione delle opere”, ha aggiunto Abodi.

Olimpiadi a Roma? Occasione persa da tutti, spero in nuova opportunità

“Un’occasione persa le Olimpiadi a Roma? Mi piace sempre condividere la responsabilità. Chi è arrivato a gestire questa città per volontà popolare, non aveva, forse, l’esperienza per valutare con serenità e profondità quella opportunità. Si è visto nel tempo e si è capito che il grande avvenimento, se ben gestito e ben spiegato, è parte delle priorità della città. Le Olimpiadi, tanto più adesso, partono proprio dalla sostenibilità sostenibile. Allora non siamo stati in grado di spiegarlo, prima della campagna elettorale. L’abbiamo persa un po’ tutti. L’ha persa la città ma mi auguro non l’abbia persa definitivamente, magari potrà esserci una nuova opportunità di ritorno in Europa e mi auguro che l’Italia sappia mettersi nella condizione, partendo da un’ottima organizzazione delle Olimpiadi e Paralimpiadi di Milano-Cortina 2026, di potersi candidare a qualcosa di ulteriormente affascinante”. Lo ha detto il ministro per lo Sport e i giovani, Andrea Abodi, all’Adnkronos.

Stadio di Roma

“Lo Stadio della Roma? Mi sembra ci siano le condizioni, l’amministrazione mi sembra abbia dato piena disponibilità. Mi sembra che anche il club abbia concentrato i suoi sforzi e il suo impegno sull’infrastruttura principale, spiegando che negli altri Paesi quello che viene considerato sviluppo è un valore, mentre da noi viene confuso automaticamente per qualcosa di meno nobile, speculazione. Mi auguro che i nuovi stadi, nella stragrande maggioranza parte del patrimonio pubblico, possano essere una sorta di defibrillatore di uno sviluppo visto in ottica maggiore positività e utilità sociale”.