Publisei compie 50 anni e allarga la sua squadra

Condividi

Publispei, la casa di produzione tv e cinematografica guidata da Verdiana Bixio, presidente dal 2012, compie 50 anni.
In vista del compleanno, la società ha ampliato il suo team e annunciato la creazione di una factory room e una writing room per supportare i giovani talenti e cogliere da loro nuovi punti di vista generazionali.
Entrano nella squadra: Francesca Primavera in qualità di responsabile sviluppo editoriale, Matteo B. Bianchi, autore televisivo, scopritore di giovani talenti, ricopre il ruolo di responsabile ricerca editoriale e sviluppo progetti speciali; per la parte internazionale Antonio Adinolfi che va a ricoprire il ruolo di responsabile business & commercial affairs.
Viene dal mondo del design Ilaria Pagano, che assume il ruolo di public relations manager e, per finire, Francesca Novi che ricopre il ruolo di Social Media Manager.

Storia e futuro

Fondata nel 1972 da Gianni, Marco e Luca Ravera, nel 1980, Carlo Andrea Bixio ne diventa socio e si pone, insieme a Gianni Ravera, l’obiettivo di rilanciare il Festival di Sanremo di cui cura 13 edizioni.
Dal 1997, Publispei entra ufficialmente nel mondo delle fiction italiane, con produzioni come: ‘Un Medico in Famiglia’, ‘Tutti pazzi per amore’ per Rai 1 e ‘I Cesaroni’ per Canale 5.
Dopo il 2012, l suo debutto nella produzione cinematografica con il documentario su Massimo Troisi ‘Massimo, il cinema secondo me’ e il film ‘Questi Giorni’ per la regia di Giuseppe Piccioni in concorso a Venezia alla 73ª Mostra internazionale d’arte cinematografica.

Negli ultimi anni l’apertura al crime, con la serie tv prodotta per Rai Fiction ‘Fiori Sopra l’Inferno’ firmata da Carlo Carlei con protagonista Elena Sofia Ricci, tratta dal romanzo di Ilaria Tuti, pubblicato da Longanesi, e ‘Io ti cercherò’ diretta da Gianluca Maria Tavarelli con Alessandro Gassmann e Maya Sansa.

Tra i titoli in lavorazione per Rai2 e RaiPlay ‘Eppure cadiamo felici’, tratto dal best seller di Enrico Galiano. E il docu-film ‘Lotta Continua’, prodotto con Luce Cinecittà in collaborazione con Rai Documentari e RaiPlay, diretto da Tony Saccucci, liberamente ispirato al libro ‘I ragazzi che volevano fare la rivoluzione’ di Aldo Cazzullo.
Il documentario ripercorre tutte le tappe che hanno portato alla fondazione del gruppo rivoluzionario di Lotta Continua, a partire dall’incontro a Torino tra il movimento studentesco e quello operaio della Fabbrica Fiat di Mirafiori.