Sabato, domenica e lunedì. Spettacoli e festival

Condividi

Donne vittime di violenza e donne violente: un festival del cinema a Firenze, uno spettacolo a Milano. In scena anche i balli acrobatici della Parsons Dance e il dolore dell’Alzheimer. E poi Gianna Nannini chiude il tour 2022. Mentre a Torino si apre il nuovo Torino Film Festival.

Arianna Scommegna, Aldo Ottobrino

Lunga vita a Misery

Il merito è in parte di Stephen King, e di uno dei suoi libri migliori. Così ben costruito che anche quando Kathy Bates e James Caan lo portarono al cinema non fecero rimpiangere l’originale. E lo spettacolo al Teatro Menotti di Milano (fino a domenica) non è da meno. Il ‘Misery’ diretto da Filippo Dini fa sobbalzare gli spettatori e li fa anche ridere, senza un attimo di tregua fino al doppio finale. Grazie anche a una grande interprete: Arianna Scommegna, già premio Ubu come miglior attrice, affiancata da Aldo Ottobrino nei panni dello scrittore vittima dell’infermiera pazza, e da Carlo Orlando.

Manifesto disegnato da Ugo Nespolo

40 anni di festival

Manifestazione storica del cinema, il Torino Film Festival quest’anno compie i 40. Li celebra fino al 3 dicembre, madrina dell’anno l’attrice Pilar Fogliati. L’edizione 2022 “vuole coinvolgere la città, vuole che gli addetti ai lavori e gli artisti si mescolino con il pubblico”, dice il direttore Steve Della Casa. Fra gli ospiti, ci sarà Malcom McDowell, che festeggerà i 50 anni di ‘Arancia meccanica’. In programma, 173 film, fra cui 81 anteprime mondiali. A fianco del Festival, fino a mercoledì si svolge TFI Torino Film Industry, mercato e piattaforma per la coproduzione internazionale, focalizzato sull’individuazione di nuovi talenti dell’audiovisivo.

Gianna Nannini

Chiusura in rock

Si chiude questo fine settimana l’ultima parte dell’In Teatro Tour 2022. Gianna Nannini è sabato a Mantova (Grana Padano Theatre) e lunedì al Carlo Felice di Genova. In scaletta, brani più recenti come ‘La Differenza’ e ‘L’aria sta finendo’, e pezzi classici, da ‘America’ a ‘Fotoromanza’. Poi, a chiudere un anno di tutti esauriti sia in Italia sia a Londra o a Parigi (senza dimenticare il grande evento musicale collettivo di ‘Una. Nessuna. Centomila’), la rocker e la sua band andranno in dicembre in Svizzera.

Firenze, Stadio Franchi, mattinata Fai

Cosa Fai per le scuole?

Proseguono fino a sabato le Giornate Fai per le scuole. Le organizza da 11 anni il Fondo per l’ambiente italiano, coinvolgendo alcuni studenti, formati per l’occasione e trasformati in giovani guide. I ragazzi fanno da ciceroni ai coetanei delle scuole, alla scoperta di chiese, palazzi, monumenti. Con un’attenzione particolare quest’anno per il paesaggio. Nella convinzione che “il paesaggio del futuro sarà il riflesso della cultura delle generazioni
presenti e future”.

Parsons Company

Coreografie e acrobazie

Sabato e domenica, al Teatro Arcimboldi di Milano, balla la Parsons Dance, la compagnia americana di danza contemporanea. Fondata nel 1985 da David Parsons, la compagnia si è esibita in tutto il mondo ma ha al tempo stesso avviato programmi di formazione e inclusività sociale (come gli Autism Friendly Programs). In scena al Tam, accompagnata dal gioco di luci del lighting designer Howell Binkley – vincitore di un Tony Award – anche due nuove coreografie: ‘The Road’ e ‘Balance of Power’.

Cinema e donne

Nella settimana in cui si è celebrata la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Firenze fino a domenica propone il festival ‘Cinema e donne’. L’edizione speciale di quest’anno è intitolata ‘I mille volti della violenza’, interpretati da film in arrivo da tutto il mondo. Si toccano il tema dell’aborto, dell’invasività social, delle paure queer, della pedo pornografia: tanti aspetti di prevaricazioni e sofferenze. Domenica, in chiusura, il docufilm di Emanuela Piovano ‘Con voce di Nilde’, realizzato per il centenario della nascita di Nilde Jotti.

Valentina Minzoni

Lo spettacolo non dimentica

‘Appena prima – Note a margine della memoria’ di e con Valentina Minzoni, regia di Tania Garribba, è una produzione del Teatro Franco Parentidove va in scena fino a domenica. L’Alzheimer diventa sempre più una malattia sociale diffusa, e il mondo dello spettacolo – cinema, teatro, televisione – lo affronta sempre più spesso. In questo caso, lo spunto lo offre la storia della nonna di Valentina, che scriveva tutto per non dimenticarsi, dai fatti storici alle vicende personali. “Poi si è dimenticata tutto. Lei ha perso la memoria, io ho trovato la sua agenda. Sono partita da questo, dai suoi buchi e dai miei, e ho costruito quello che ci sta intorno”, spiega l’attrice e autrice.

Sandra Zoccolan

Teatro da degustare

Il Teatro Manzoni di Milano propone una serie di appuntamenti che miscelano arte e vino. Si comincia domenica con ‘Furore’. L’attrice Sandra Zoccolan leggerà al pubblico pagine di John Steinbeck, e del romanzo che di recente ha portato in scena anche Massimo Popolizio. Al termine del reading, l’Associazione italiana Sommelier Lombardia (Ais) propone al pubblico una degustazione di vini. Nei bicchieri, il Pinot Nero Brut Metodo Classico Oltrepò Pavese Docg dell’azienda La Genisia, e MoraMora Malvasia Nera Salento Igp prodotto dalle cantine Paololeo.

Botticelli, Primavera e altre stagioni

La voce narrante è quella di Jasmine Trinca. L’attrice accompagna lo spettatore nella ricostruzione della vita e delle opere di Sandro Botticelli. Al cinema solo per tre giorni, da lunedì, ‘Botticelli e Firenze. La nascita della bellezza’ è un docufilm sritto da Francesca Priori e diretto da Marco Pianigiani, con il contributo di storici dell’arte internazionali. Lo producono Sky, Ballandi e Nexo Digital, con il patrocinio del Comune di Firenze.