Bandiera Ue (Photo by ALEXANDRE LALLEMAND on Unsplash )

L’Ue sgrida i social: calano azioni su contenuti d’odio. Twitter più lento ad agire

Condividi

Twitter è il social media che interviene più lentamente sui contenuti di incitamento all’odio. E’ il risultato delle rilevazioni della Commissione europea nel monitoraggio periodico che riguarda tutte le grandi società tecnologiche che hanno accettato il codice di condotta di Bruxelles sottoscritto nel 2016.

I numeri del 2022

Il rapporto evidenzia, in generale, una diminuzione dell’azione delle aziende tecnologiche in merito ai contenuti d’odio. Si legge che il numero di notifiche esaminate dai big della tecnologia entro 24 ore è diminuito rispetto agli ultimi due monitoraggi, passando dal 90,4% nel 2020 all’81% nel 2021 fino ad arrivare al 64,4% nel 2022.
TikTok è l’unica azienda che ha migliorato il proprio tempo di valutazione.

Anche il tasso di rimozione di questi contenuti, attestatosi al 63,6%, è notevolmente inferiore rispetto al picco del 2020 (71%). Solo YouTube ha ottenuto risultati migliori su questo parametro, rispetto agli ultimi due anni.
Tutte le altre aziende hanno rimosso meno contenuti rispetto al 2021, in alcuni casi con variazioni più basse come Twitter che ha rimosso, rispettivamente nel 2022 e 2021, il 45,4% e il 49,8% dei contenuti di incitamento all’odio.

Più attenzione con il Dsa in vigore

“La Commissione continuerà a monitorare l’attuazione del codice di condotta. Il 16 novembre, ricorda il report, è entrata in vigore la legge sui servizi digitali (Dsa) che fornisce norme complete per le responsabilità delle piattaforme. Discuterà con le società informatiche su come garantire che l’attuazione del codice sostenga il rispetto del Dsa e aggiunga valore nei settori specifici della lotta all’incitamento all’odio e della protezione della libertà di espressione online”.