Sabato, domenica e lunedì. In musica, in scena

Condividi

A Milano il festival del Noir e la ‘primina’ della Scala. A Venezia Casanova diventa ‘Opera pop’, mentre a Napoli Dickens torna in formato musical. Spettacoli, concerti, manifestazioni

‘Profeti’

Noir a Milano

Parte sabato la 32esima edizione del ‘Noir in festival’. Dedicata al cinema giallo-nero-thriller, la manifestazione diretta da Giorgio Gosetti quest’anno pone una particolare attenzione a ciò che sta avvenendo nel mondo. Il film di apertura – ‘Profeti’, di Alessio Cremonini, sabato al cinema Eliseo di Milano – ha per protagonista una giornalista italiana (Jasmine Trinca): rapita dall’Isis, ha come carceriera una foreign fighter che cerca di convertirla. Accanto al concorso cinema, anche quest’anno il festival presenta il Premio Scerbanenco alla letteratura noir. Sabato, nella casa del Manzoni, saranno presentati i 5 finalisti.

Una ‘passeggiata’ lunga 75 anni

Sabato, a Milano, si passeggia con Arlecchino. L’occasione è il ritorno in scena di ‘Arlecchino servitore di due padroni’ (al Teatro Grassi fino al 22 dicembre, protagonista ), storico spettacolo di Strehler che debuttò nel 1947. Dopo Marcello Moretti e Ferruccio Soleri, adesso in scena con l’abito pezzato salta, recita e diverte Enrico Bonavera. La passeggiata dedicata ad Arlecchino porta a scoprire la nascita dello spettacolo, visitando il teatro di via Rovello – dove si assiste alla realizzazione del mitico budino – e poi proseguendo con l’esplorazione dietro le quinte del Teatro Strehler e del Teatro Studio Melato. L’ingresso è gratuito.

‘Travesti Odyssey’

Il festival ‘divergente’

Si conclude sabato alla Cineteca di Bologna la tre giorni di ‘Divergenti’. Si tratta del festival internazionale del cinema trans, l’unico in Italia (e uno dei pochi nel mondo) dedicato a questo tipo di cinematografia. L’edizione 2022, la dodicesima, si è focalizzata sul tema del ‘sex work’ che – spiega la direttrice Nicole De Leo – per molte persone trans rimane l’unica opzione lavorativa. Anche per questo, ‘Divergenti’ ha scelto come madrina dell’anno Pia Covre, storica attivista e fondatrice, con Carla Corso, del Comitato per i diritti civili delle Prostitute.

Riccardo Muti

Requiem a Ravenna

Da sabato, al Teatro Alighieri di Ravenna, si svolgono 8 giornate di prove della ‘Messa da requiem’ diretta da Riccardo Muti, con l’Orchestra giovanile luigi Cherubini. Dice Muti: “Il mio desiderio da anni è dedicarmi molto all’insegnamento di ciò che ho imparato dai miei maestri, per insegnare che cos’è e come si costruisce un’opera italiana. È importante che il pubblico capisca qual è il ruolo del direttore d’orchestra con i maestri collaboratori e con i giovani direttori». Alle prove della ‘Messa’ di Verdi, composta nel 1874 e dedicata ad Alessandro Manzoni, può così assistere il pubblico.

‘A Christmas Carol Musical’

Natale in musical

Sabato e domenica, al Palapartenope di Napoli, è di scena ‘A Christmas Carol Musical’. Lo spettacolo, arrivato al quinto tour e superati i 70mila spettatori, si ispira al famoso ‘Canto di Natale’ di Dickens, adattato da Melina Pellicano, che ne è anche regista. Le musiche sono di Stefano Lori e Marco Caselle, gli effetti speciali sono curati da Alessandro Marrazzo, e l’alternarsi di 150 costumi.

Com’è pop Casanova

Sabato in prima nazionale al Teatro Malibran di Venezia, dove resterà fino all’11/12, per poi partire con un tour di 60 repliche in giro per l’Italia: arriva in scena ‘Casanova Opera Pop’. Lo spettacolo è dedicato a un Giacomo Casanova di ritorno dall’esilio. Lo ha ideato e realizzato Red Canzian, che dice: “Casanova viene raccontato in una chiave sempre un po’ monotematica, quella del libertino impenitente, mentre io volevo rappresentarlo nelle tante sfumature che fanno di lui una delle figure storiche più interessanti, poeta, alchimista, libertario, diplomatico”. Il risultato è un kolossal, con due ore e mezza di musica cantata dal vivo, 21 performer, 30 cambi di scena.

Ildar Abradzakov, ‘Boris Godunov’

Prima della prima

Il 7 dicembre – alla presenza di Ursula von der Leyen, Sergio Mattarella, Giorgia Meloni e molti altri politici e melomani – il Teatro alla Scala inaugura la nuova stagione con ‘Boris Godunov’, diretto da Riccardo Chailly, con la regia di Kasper Holten. Come da tradizione però, i più giovani – under 30 – avranno domenica l’occasione di godere in anticipo nel teatro della visione dell’opera, protagonista il basso russo Ildar Abradzakov.

Mauro Gancitano, Andrea Colamedici

Lunedì di Meraviglia

Il nome Tlon viene da un racconto di Borges, su un mondo creato da artisti e visionari. Un mondo però in cui il rischio fake news è dietro l’angolo. Maura Gancitano e Andrea Colamedici lo hanno scelto per battezzare la loro scuola di filosofia, che è anche casa editrice e libreria di teatro. Lunedì i due ‘Tlon’ – al Carcano di Milano, per la serie ideata da Lella Costa ‘Follow the Monday’ – dialogheranno in una ‘Lezione di meraviglia’ su musica e scienza con Murubutu, rapper e docente di storia e filosofia.