Carlo Messna, Claudio Descalzi e Francesco Starace

Finanza ed energia sul podio della Top Manager Reputation

Condividi

A novembre balzo di 20 posizioni per Pier Silvio Berlusconi

Aumenta l’attenzione che la rete attribuisce al tema dei risultati societari come parametro di riferimento per la reputazione online dei top manager. Secondo l’analisi mensile dell’osservatorio permanente di Reputation Science, infatti, l’andamento economico dei brand a novembre ha catturato un maggior interesse (14%), in crescita del 5%.
Tra gli altri temi discussi, spiccano Leadership (47%) e ESG (36%).

La classifica di novembre

Carlo Messina (82.35) si conferma al vertice della Top Manager Reputation, sulla reputazione online dei vertici delle grandi aziende attive in Italia. Il ceo di Intesa Sanpaolo resta in cima grazie ai risultati ottenuti dalla banca, con un utile dei nove mesi a oltre 4 miliardi di euro e con lo stanziamento di 30 miliardi a supporto di imprese e famiglie.
Stabile in seconda posizione Claudio Descalzi (80.15): l’ad di Eni è tornato a parlare di gas, affermando che già da questo inverno il 50% delle forniture russe verrà sostituito.
Attivo sul piano della performance e della sostenibilità Francesco Starace, terzo con 78.65 punti: Enel ha visto i propri ricavi crescere dell’84% ed è stata certificata come l’unica azienda ad allineare le proprie informative con il Net Zero Company Benchmark.

Moda, energia e finanza

Segue il made in Italy: Giorgio Armani (78.39) stabile al quarto posto e forte exploit di Brunello Cucinelli (76.59), che questo mese guadagna 4 posizioni.
I due guidano il cluster Fashion insieme a Renzo Rosso di OTB (12°, 69.43). È sesto Renato Mazzoncini di A2A (76.54), che, nel periodo in esame, ha aperto una nuova sede a Bruxelles.
Settimo posto per Stefano Antonio Donnarumma (73.41). L’Amministratore Delegato di Terna ha inaugurato ufficialmente il Tyrrhenian Lab e siglato un contratto di finanziamento per Tyrrhenian Link.

Per il cluster Finance, compare Matteo Del Fante di Poste Italiane (73.16) e sale in top10 Andrea Orcel di Unicredit (71.80), forte dei 4 miliardi di utili.
Luigi Ferraris di Ferrovie dello Stato Italiane (71.12), decimo, si conferma leader del settore Trasporti.

Per Berlusconi la crescita maggiore

John Elkann è in undicesima posizione (70.97) e Urbano Cairo continua a guidare il cluster Media&Telco (68.26).
Seguono Alessandro Benetton di Edizione (65.44) e Pietro Labriola (64.69): l’ad di Tim fa il suo esordio tra i 15 manager con la miglior reputazione online.
In classifica generale: Piersilvio Berlusconi, +20 posizioni grazie agli ascolti in salita; Carlo Cimbri (+7), che con Unipol ha ‘affiancato’ Elon Musk nell’acquisizione di Twitter; entra tra i migliori 100 Benedetto Levi di Iliad (82).