Ministro Pichetto Fratin, Raco portavoce e responsabile comunicazione, Corrado capo ufficio stampa

Condividi

Gilberto Pichetto Fratin per la comunicazione del suo dicastero punta sulla continuita’ e sul consolidamento dei rapporti professionali e umani. Il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica ha scelto di affiancarsi con due professionisti rodati e con cui si e’ trovato in buona sintonia nel suo recente passato.

Si tratta di Emanuele Raco, nominato portavoce e responsabile della comunicazione e di Fiorella Corrado in qualita’ di capo dell’ufficio stampa, posizione che rivestiva gia’ con Pichetto Fratin viceministro dello Sviluppo economico con il governo Draghi.Emanuele Raco, 50 anni, nato a Reggio Calabria, una laurea in Scienze politiche conseguita a Messina (tesi su Indro Montanelli, “fui l’unico studente a cui concesse questo onore, oltre a quello di intervistarlo” confida), una vita in equilibrio tra le sue grandi passioni: comunicazione, tradizione liberale e ulivi, cioe’ olio, espressione del forte legame con la sua terra d’origine.

Poche le digressioni. “E come potrei? Manca il tempo”.  Dopo un avvio di legislatura vicino a Carlo Nordio – con cui lo unisce la comune provenienza dalla Fondazione Einaudi, Nordio come consigliere e Raco, dal 2018 fino al suo impegno al ministero, a capo dell’ufficio stampa – viene subito agganciato da Pichetto Fratin. “Ci siamo incontrati al Quirinale, in occasione del giuramento – spiega Raco – mi ha immediatamente proposto di fargli da portavoce. E ho accettato”. Ad unirli e farli conoscere, oltre alla comune matrice liberale, c’e’ anche il fatto di essere stati “vicini di ufficio” al gruppo Fi del Senato nel 2018, quando Raco ha affiancato per un anno la capogruppo Annamaria Bernini come portavoce.

Sciolto il sodalizio con Bernini, nel 2019 Raco assume l’incarico di portavoce dell’eurodeputata Irene Tinagli – presidente della commissione economica del Parlamento europeo, e dal marzo 2021 vicesegretaria del Pd – che mantiene fino al suo attuale impegno. Ma il pedigree di Raco conta una lunga sfilza di incarichi. Si occupa di comunicazione politica e istituzionale dal 2000, quando viene nominato portavoce di Nuccio Fava, storico giornalista Rai, candidato alla presidenza della regione Calabria dall’Ulivo. Restera’ al suo fianco per 5 anni. Dal 2006 al 2008 è portavoce di Alessandro Bianchi, ministro dei Trasporti del secondo governo Prodi. Poi collabora con l’ufficio stampa di Italia dei Valori. Quindi Italia futura e Scelta civica. Segue Mario Monti nella campagna elettorale per le elezioni politiche del 2013. Per Scelta Civica si occupa della comunicazione del gruppo al Senato, poi diventa capo ufficio stampa del partito, sino alle elezioni politiche del 2018. Con il governo Renzi e’ portavoce di Enrico Zanetti, viceministro dell’Economia, e successivamente passa al gruppo Fi del Senato. Nel 2020 in pieno Covid fonda e dirige (fino al suo attuale incarico) il giornale “ilcaffeonline”. La sua altra grande passione e’ la sua terra, la Calabria. Dove la famiglia possiede uliveti e produce olio extravergine di oliva (oggi anche bio) fin dal 1852, di cui lui oggi continua orgogliosamente la tradizione.Per quanto riguarda lo staff della comunicazione del minisero, al momento e’ ancora in formazione, eccezion fatta per la responsabile social, Francesca Fenaroli (gia’ responsabile Italia Domani all’Ufficio per la comunicazione istituzionale e relazione con i media alla Presidenza del Consiglio dei ministri). “E’ l’unica figura che ho portato con me, convinto che quel mondo sia da presidiare in modo professionale. Lei e’ la migliore”, sottolinea. Per il resto l’obiettivo e’ di completare la formazione entro la fine dell’anno.

Fiorella Corrado


Fiorella Corrado, fieramente napoletana ma cittadina del mondo, si laurea cum laude in Scienze politiche all’Universita’ di Napoli (tesi su Ricorsi alla Corte di giustizia delle Comunita’ europee), quindi un master in Diritto delle comunita’ europee al Collegio europeo di Parma. Segue una lunga parentesi a Bruxelles, stagista negli uffici comunicazione del portavoce dapprima alla Commissione europea con Romano Prodi, quindi nel Parlamento europeo, infine lavora nella redazione inglese dell’European Information service (Eis) a Bruxelles. Nel 2004 rientra a Roma e dopo una breve parentesi all’Adn Kronos, diventa capo ufficio stampa dell’Ipi, Istituto per la promozione industriale – un braccio operativo del ministero delle Attivita’ produttive, poi assorbito dallo stesso – presieduto da Riccardo Gallo. Un impegno di grande soddisfazione, che le vale il primo premio al concorso indetto dall’Fnsi, allora presieduto da Paolo Serventi Longhi, come migliore comunicatore nella Pa. Resta nell’istituzione e si occupa della comunicazione sotto i svariati ministri che si sono succeduti: da Scajola, a Bersani, Romani, Passera, Guidi, Calenda, Patuanelli, Giorgetti. Si concede due sole pause – legate alla nascita dei due figli, di 9 e 3 anni – con Zanonato e – parzialmente – Di Maio. E’ stata responsabile delle relazioni con la stampa del Cncu (Consiglio nazionale dei Consumatori e degli Utenti, presso il ministero dello Sviluppo economico). 

Con il governo Draghi collabora con il viceministro Pichetto Fratin, un rapporto che quest’ultimo, divenuto ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica con il governo Meloni, conferma, chiamandola a capo del suo ufficio stampa. Fiorella Corrado e’ docente di media relations in diversi master in comunicazione e relazioni internazionali, tra cui la Business School del Sole24ore e la Sna (la Scuola nazionale della Pubblica amministrazione, che fa capo alla Presidenza del Consiglio e forma i dipendenti pubblici). Coltiva una grandissima passione per la scrittura e la narrativa contemporanea: ha pubblicato una raccolta di racconti, dal titolo Rosa Carne, mentre lavora a un suo romanzo, ancora nel cassetto.