Elon Musk (foto LaPresse)

Twitter, Onu preoccupato per profili giornalisti disattivati. Ma Musk ironizza

Condividi

Dopo un sondaggio, Musk riattiva i profili sospesi. E ironizza: “la stampa ha ritrovato l’amore verso la libertà di parola”

Passo indietro di Elon Musk. L’imprenditore ha annunciato che farà ripristinare gli account Twitter di vari giornalisti che erano stati banditi dal social. Ovviamente dopo aver messo ai voti il tutto, in uno dei suoi ormai consueti sondagi.
“La gente si è espressa. Gli account che hanno diffuso la mia posizione si vedranno togliere la sospensione da ora”, ha detto Musk, davanti all’esito del referendum, che ha coinvolto 3,9 milioni di persone, con il 59% che ha votato per il ripristino.

Motivi di sicurezza

La decisione di sospendere questi account, insieme a quelli che tracciavano spostamenti di aerei di agenzie governative, miliardari e individui di alto profilo, compreso lui stesso, risale a pochi giorni fa. E l’imprenditore l’aveva motivata come dettata da motivi di sicurezza, nel suo caso specifico anche per tutelare l’incolumità dei suoi figli.

Onu: precedente pericoloso

Da subito si era levato un coro di malumori, con la politica in prima linea. “La libertà di stampa non può essere attivata e disattivata a piacimento”, aveva twitato il ministero degli Esteri tedesco, mentre l’Ue, tramite la vice presidente Ver Jourova ha agitato lo spettro delle sanzioni per il social.
Si è poi aggiunto anche la voce dell’Onu, definendo la sospensione arbitraria dei giornalisti un “precedente pericoloso, in un momento in cui la categoria in tutto il mondo “deve affrontare censura, minacce fisiche e anche peggio”.
Il portavoce dell’Onu Stephane Dujarric ha rimarcato: “le voci dei media non dovrebbero essere messe a tacere su una piattaforma che professa di dare spazio alla libertà di parola”.

“E’ di così grande ispirazione vedere che la stampa ha ritrovato l’amore verso la libertà di parola”, ha ironizzato Musk, davanti alle reazioni suscitate dalle sospensioni, fissando il tweet in cima al suo profilo. Il proprietario del social ha anche sottolineato che “ancora una volta l’uso di Twitter da parte di esseri umani reali ha battuto un record”.