Mediaset corregge Variety: nostri tutti i diritti dei film dell’ex Cecchi Gori Group

Condividi

Mediaset ha inviato la presente rettifica alla testata americana “Variety” che, immediatamente, ha aggiornato l’articolo online riportando la posizione di RTI/Mediaset.

Ecco la nota Mediaset.


«E’ apparso sull’edizione online di “Variety” del 23 dicembre 2022 un articolo a firma Nick Vivarelli dal titolo “Italy’s storied Cecchi Gori is attempting a partial relaunch”.
Il testo contiene gravi inesattezze e dichiarazioni inveritiere. Imprecisioni gravemente lesive dei diritti patrimoniali e non patrimoniali dello scrivente Gruppo Mediaset a cui appartiene la società Reti Televisive Italiane S.p.A. (RTI) a cui si riferisce l’articolo.

Si legge infatti nel testo che la Library acquisita da RTI direttamente dal Fallimento Cecchi Gori Group Fin.Ma.Vi. sarebbe limitata ad alcuni diritti (Free Tv e Pay TV) e non si estenderebbe ad altri tipi di sfruttamento, tra i quali addirittura lo streaming, i diritti remake e il cinema. Diritti che, secondo l’articolo, sarebbero di titolarità di altri soggetti.

Tale affermazione è chiaramente di parte e non veritiera, avendo il Gruppo Mediaset
acquistato sin dal 2010 (nell’ambito di una vendita disposta in sede fallimentare e previa autorizzazione del giudice delegato) tutti i diritti di sfruttamento sulla Library, ivi inclusi quelli che l’articolo – senza un minimo di verifiche documentali – pretenderebbe esclusi.


Vi invitiamo quindi a pubblicare la presente rettifica su tutte le edizioni online di Variety su cui è apparso l’articolo. Rimane fermo, ovviamente, che RTI e il Gruppo Mediaset tuteleranno tutti i loro diritti nelle sedi giurisdizionali competenti».