Satya Nadella (Foto Ansa)

Netflix tra gli obiettivi di Microsoft per il 2023?

Condividi

Ecco perchè, secondo Reuters, non è da escludere il colpo da parte del colosso di Redmond

La suggestione è di quelle che pesano. Nella lista della spesa di Microsoft per il 2023 potrebbe esserci anche Netflix. A scriverlo qualche giorno fa l’agenzia Reuters, sottolineando l’attivismo sul fronte delle acquisizioni che la casa di Redmond ha sfoderato da quando a guidarla c’è Satya Nadella.

Pioggia di miliardi per le acquisizioni

Dalla sua nomina nel 2014, Microsoft ha messo sul piatto 2,5 miliardi di dollari per Mincratf, 26 miliardi per LinkedIn e altri 20 per Nuance, casa che sviluppa software per il riconoscimento vocale e intelligenza artificiale. In tempi più recenti, l’operazione da 69 miliardi di dollari per il gigante dei videogiochi Activision Blizzard, sulla quale pende una causa intentata nei giorni scorsi dalla Federal Trade Commission (Ftc), l’antitrust americana.
Secondo l’agenzia, anche in caso di una mancata finalizzazione di quest’ultimo accordo, per il gigante guidato da Nadella potrebbe avere un certo senso strategico acquisire Netflix, tra l’altro con minori rischi di incappare nelle maglie delle autorità di controllo del mercato, sia americane, sie europee.

Legami e vantaggi

Tra le due società tra l’altro, ci sono dei legami, visto che Netflix ha scelto Microsoft come partner per la gestione dei sui spazi pubblicitari. In più nel suo Cda siede Brad Smith, che di Microsoft è presidente.

Unire contenuti ai videogiochi, rimarca ancora l’agenzia, potrebbe essere una mossa vincente per entrambe le parti, più che pensare a sinergie per la riduzione dei costi, anche considerando le difficoltà economiche che entrambe le società, sopratutto Netflix, hanno registrato negli ultimi tempi.