Manchester City (Foto Ansa)

Calcio, crescono i ricavi dei club di calcio: City sempre in testa, Juve prima italiana

Condividi

Secondo l’analisi di Deloitte, 11 squadre sulle 20 più ricche sono inglesi.
Tre le italiane con Inter e Milan dopo la Juve

Nella stagione scorsa i primi 20 club per ricavi nel calcio mondiale hanno generato un fatturato totale di 9,2 miliardi, con un aumento del 13% rispetto all’anno precedente. E’ il dato che emerge dalla 26esima edizione di Football Money League, il report annuale che Deloitte dedica al mondo del calcio.

Ad aver determinato la crescita, spiega l’analisi, “il ritorno delle partite a porte aperte a seguito dell’abolizione delle restrizioni da Covid 19”, che ha generato “un significativo incremento delle entrate da stadio: da 111 milioni a 1,4 miliardi”. Anche i ricavi commerciali sono aumentati dell’8% rispetto all’anno precedente (da 3,5 miliardi a 3,8 miliardi), ma il loro impatto, si sottolinea, è stato vanificato dalla contrazione dell’11% (pari a 485 milioni) dei ricavi da diritti tv rispetto agli introiti della stagione 2020/21, che avevano beneficiato dei differimenti dei ricavi delle partite 2019/20 rinviate.

Dominio inglese

Per il secondo anno consecutivo il Manchester City è prima per ricavi (731 milioni di euro totali), seguito da Real Madrid (714 milioni) e Liverpool (702).

I club della Premier League sono in tutto 11 e per la prima volta rappresentano più della metà della Top 20. Oltre alle già citate Manchester City e Liverpool, tra le prime dieci ci sono il Chelsea, ottavo, il Tottenham, nono l’Arsenal, decimo. Fuori dalla top10 si piazzano WastHam (15esimo), il Leicester (17esimo), il Leeds (18esimo), Everton (19esimo) e il Newscastle (20esimo).

Tre le italiane, con Juventus, Inter e Milan. Tre le spagnole, con oltre al Real Madrid, il Barcellona settimo, e l’Atletico Madrid dodicesimo.
Completano la classifica il Paris Saint-Germain, unica francese, quinta e le due tedesche: Bayern Monaco, sesto, e Borussia Dortmund, tredicesimo.

Cinque dei “sei grandi” club della Premier League hanno registrato un aumento dei ricavi in euro del 15% o più (per un incremento totale di 226 milioni), grazie al lancio di nuove partnership commerciali e agli introiti generati da eventi non legati alle partite, come concerti e tour degli stadi.
Tra i temi che si pongono quindi, si rileva, c’è anche quello di riuscire a capire se gli altri campionati saranno in grado di “colmare il divario, probabilmente aumentando il valore dei futuri diritti televisivi internazionali, o se la Premier League sarà virtualmente intoccabile, in termini di ricavi”.

Juve prima tra le italiane

Guardando alle tre italiane, nella stagione 2021-2022 la Juventus si è piazzata all’undicesimo posto (400 milioni in calo rispetto ai 433 precedenti). Al 14esimo segue l’Inter (308 milioni contro 330) e al 16esimo il Milan, che ha registrato 264 milioni di fatturato, in crescita sui 216 della stagione precedente.

La Juve nella classifica per ricavi ha perso due posizioni dal precedente nono posto, non lasciando nessuna squadra italiana tra le prime dieci della classifica Deloitte. L’Inter è rimasta invariata mentre il Milan ha guadagnato tre posti dalla precedente 19esima posizione.