Radio, le classifiche delle più ascoltate. Cresce l’esigenza di monitorare l’audience crossmediale

Condividi

Sono stati pubblicati oggi da Ter-Tavolo Editori Radio i dati relativi all’ascolto della radio in Italia nell’anno 2022 e nel secondo semestre 2022.

Come sempre c’è chi sale e chi scende, ma il tema centrale nelle dichiarazioni di alcuni editori e manager pubblici e privati (vedi sotto) è l’esigenza di integrare la rilevazione TER attuale con uno strumento di analisi degli ascolti che sia crossmediale, che comprenda cioè le tante modalità di ascolto articolate tra app, piattaforme online, siti web, smart tv, mobile e via dicendo.

Strumento che dovrebbe essere annunciato a breve frutto – dice Roberto Sergio di Rai Radio – dell’accordo tra “alcuni editori di buona volontà”. Uno strumento che sarà disponibile “già nel prossimo semestre per il monitoraggio complessivo dell’ascolto radio in tutte le sue sfaccettature”.

TER – Dati anno 2022 (PDF)

TER-Dati-anno-25-gennaio-19-dicembre-2022

DATI TOTALE MEZZO – Anno 2022 (PDF)

TABELLA-DATI-TOTALE-MEZZO-ANNO-25-gennaio-19-dicembre-2022

TER 2022 – Dati secondo semestre 2022 (PDF)

TER-Dati-II-semestre-21-giugno-19-dicembre-2022

CONFRONTO ASCOLTI ANNO E 2° SEMESTRE 2022 VS ANNO E 2° SEMESTRE 2021 – “GIORNO MEDIO

CONFRONTO ASCOLTI ANNO E 2° SEMESTRE 2022 VS ANNO E 2° SEMESTRE 2021 – “QUARTO D’ORA MEDIO (AQH)”

I COMMENTI DI EDITORI E MANAGER

Lorenzo Suraci

Lorenzo Suraci presidente Gruppo Rtl 102.5: «Da oggi il sistema RTL 102.5 vanta anche circa 25 milioni di contatti giornalieri. I contatti si riferiscono alla fruizione dei contenuti dell’intero SISTEMA RTL 102.5 che è composto da tutte le radiovisioni (RTL 102.5, Radio Zeta e Radiofreccia), dai siti web (rtl.it, radiozeta.it, radiofreccia.it), dalle radiovisioni digitali (RTL 102.5 News, Best, Doc, Napulè, Bro&Sis, Romeo&Juliet), oltre che da RTL 102.5 Play, il grande portale on demand. «Noi difendiamo l’indagine TER, tutt’ora lo standard del settore, ma da molti mesi sosteniamo che vada integrata, che vada aiutata a essere significativa. Oggi non ha più senso parlare dei dati di ascolto di un singolo canale, occorre considerare chi ascolta in time-shifting, chi i podcast, chi le radio native digitali come RTL 102.5 News, RTL 102.5 Best, RTL 102.5 Bro&Sis, RTL 102.5 DOC, RTL 102.5 Napulè e RTL 102.5 Romeo & Juliet. RTL 102.5 oggi dichiara un dato globale, reale e attuale, poiché documentabile. Oggi sono nella condizione di affiancare ai dati TER, usciti nella giornata odierna, un dato più globale, attuale e documentabile, il numero di contatti giornalieri che il “sistema RTL 102.5” vanta sul territorio italiano. Un numero molto importante supportato anche dalla fama e integrità del professor Troiano. Noi assicuriamo a Kebula l’accesso e la disponibilità di tutta l’enorme massa di dati che raccogliamo in tempo reale».

Roberto Sergio

Roberto Sergio, direttore Rai Radio: I dati Ter del secondo semestre 2022 fotografano una situazione di tenuta media delle radio del gruppo Rai, con un significativo incremento sull’anno di Rai Radio 2. Al netto delle fisiologiche oscillazioni semestrali, Rai Radio 2 mostra negli ultimi 5 anni una continua tendenza a crescere, con una share nel 2022 che è la più alta dal 2018 ad oggi. Incrementa Rai Radio 3 sul quarto d’ora medio, segno di una crescente fedeltà di ascolto; le molte iniziative editoriali e la ripresa delle attività sul territorio stanno poi tornando a dare visibilità al canale. Flettono Rai Radio 1 e Rai Isoradio. La prima probabilmente paga la moltiplicazione dell’offerta calcistica, che ha ridimensionato la centralità della fruizione radiofonica; mentre Isoradio è ancora in pieno riposizionamento e assestamento di palinsesto.
I dati della Cati Ter rappresentano la base di partenza per gli ulteriori approfondimenti che ogni editore sta facendo. I nostri canali hanno oggi un ascolto importante su Ip (web e app Rai Play Sound). Questo dato è molto significativo, dal momento che parliamo di circa 1 milione di ore di ascolto online a settimana e circa 300mila ascoltatori. Dati che riceviamo quotidianamente con dettagli più approfonditi e che sono molto utili a tarare al meglio l’editoriale, proprio perché puntuali e in tempo reale.
La ricerca Ter, difatti, essendo basata su interviste telefoniche, fotografa soprattutto la capacità delle varie emittenti di creare brand awareness. Essendo l’unica oggi disponibile, anche per il mercato pubblicitario, è il primo punto di riferimento per tutti i soggetti che operano nel settore. Ogni editore ha poi l’onere e l’onore di integrare i dati Ter con gli altri indicatori in suo possesso. Come fa Rai, per disporre di una fotografia più nitida del reale ascolto e rappresentativa delle molte attività messe in campo anche in una logica di servizio pubblico. E’ il caso, ad esempio, di Rai Radio 2 che incrementa molto le performance della ricerca se si considerano per esempio le fruizioni on demand, che in quanto differite sono difficilmente riconducibili all’ascolto radiofonico, e le attività social, che la ricerca TER non ha alcun modo di intercettare. La performance di Rai Radio2 è straordinaria su Facebook, dove nel 2022 è stata la prima tra le radio nazionali iscritte a TER per numero di interazioni (oltre 10 milioni) e per numero di visualizzazioni video (79 milioni), con oltre 1 milione di commenti e una copertura media giornaliera superiore al milione: segno di grande successo e vitalità. Rai Radio 2 è presente anche su Instagram dove prosegue la crescita (+13% sul 2021) e su Twitter, e da dicembre è su TikTok con un canale verticale dedicato ai contenuti musicali e comici. Significativi infine gli ascolti su piattaforma televisiva. I programmi di Rai Radio 2 trasmessi anche su Rai 2 rappresentano una vera e propria case history. Tra i casi più interessanti ci sono sicuramente Radio2 Social Club, tutte le mattine su Rai2 con picchi di share del 7,7% e una media del 6%, Radio2 Happy family, che questa estate si è attestato su Rai2 con una media tra il 4% e il 5% e infine I Lunatici, i mattatori della notte radiofonica che con una finestra su Rai2 si affacciano tutte le notti in tv arrivando a toccare picchi del 6,1%. Il nuovo canale 202 su dtt è stato appena avviato ma sembra già molto promettente.
Stiamo lavorando – conclude Sergio – con alcuni editori di buona volontà per avere già nel prossimo semestre uno strumento di monitoraggio complessivo dell’ascolto radio in tutte le sue sfaccettature. Sempre che intanto Ter non si attrezzi per realizzarlo internamente.

Paolo Salvaderi (Foto LaPresse)

Paolo Salvaderi, AD RadioMediaset: “I dati di ascolto pubblicati oggi da TER mostrano come le radio del nostro Gruppo si siano mantenute salde nella testa degli ascoltatori che non hanno mai smesso di sceglierle nonostante le turbolenze che hanno contraddistinto gli ultimi tre anni. Nel quarto d’ora medio, la metrica che attesta la fedeltà dell’ascolto, il Gruppo RadioMediaset registra infatti una crescita del +6.8% rispetto al 2019 (raggiungendo una quota di mercato del 19.2%). Sempre rispetto al periodo prepandemico, una menzione speciale va a Radio 105 che nell’anno 2022 ha confermato la propria leadership in AQH, segnando un +7.8%”.

Paolo Cavagnini

Linus, Direttore Editoriale Radio GEDI e Direttore Artistico di Radio Deejay e Radio Capital: Il 2022 conferma la fedeltà del nostro pubblico in un anno che è stato per noidi grandi progetti e investimenti per arricchire l’offerta delle nostre radio e affermarle sempre più come piattaforme di contenuti live e on demand, di informazione e intrattenimento, di interazioni e condivisioni. Le oltre 130.000 persone al Park Like a Deejay di giugno 2022 con 17 milioni di utenti raggiunti sui social, i 35 mila partecipanti alle 4 tappe della Deejay Ten, i 14 milioni di streaming al mese della neonata OnePodcast con il suo grande catalogo di contenuti audio di qualità, la leadership assoluta sui social, confermano la bontà delle nostre scelte e aggiungono valore ai risultati di audience 2022. Progetti e iniziative che pongono costantemente al centro la cura e l’attenzione al pubblico trasversale raggiunto dalle nostre 3 radio e agli investitori che ne hanno riconosciuto la qualità e il valore. Lo dimostrano i nostri fatturati maturati in un periodo così complesso come quello attuale, aggravato dagli effetti della crisi energetica. In un mercato pubblicitario totale che nel periodo gennaio-novembre 2022 ha mostrato un segno negativo, il Mezzo Radio registra un +1,7% e noi siamo vicini a un incremento che sfiora il +10%.”

Eduardo Montefusco
Eduardo Montefusco

Eduardo Montefusco Presidente RDS: “Siamo molto soddisfatti di questi risultati, abbiamo fatto un incremento del 5,3% sul giorno media ieri e del 18.9% sulla media giornaliera dei quarti d’ora rispetto all’anno precedente, confermando la leadership sul dato annuale, sul secondo semestre addirittura abbiamo il primato sull’aqh a quota 600, dove il secondo semestre è quello che torna ad una normalizzazione, ricordiamoci che su questo stesso mese lo scorso anno eravamo ancora in zona rossa! Stiamo capitalizzando quanto abbiamo seminato in questo periodo particolare, siamo una valvola di evasione, divertimento ed esperienze sia con RDS 100% grandi successi che con le properties verticali RDS next per i nativi digitali millennnials e genz dove siamo il primo canale su Tiktok e twitch, così come RDS Relax che è in dab e in app, profilatala su un target altospendente più adulto. Quest’anno porteremo sempre più format crossmediali in ambito musica, wellbeing e sport!”.

Mario Volanti

Mario Volanti, Editore e Presidente Radio Italia: “Buoni i risultati particolarmente nel secondo semestre, non c’era modo migliore per festeggiare i 40 anni di Radio Italia solomusicaitaliana”.

Lucia Niespolo

Lucia Niespolo, Editore e Presidente di Radio Kiss Kiss: “Continuiamo crescere quindi tanti Kiss Kiss ai nostri ascoltatori! Come Radio Kiss Kiss siamo oggi la sesta radio italiana, con quasi 3,5k di ascoltatori medi giorno. Il nostro posizionamento nel circuito radio è senza dubbio tra le BIG. L’anno 2022 conferma un’importante crescita dei nostri ascoltatori rispetto al 2021 pari all’ 8,5%. Questo dimostra un grande interesse su quanto programmiamo, sulle scelte musicali, sulla conduzione sempre in linea e anche possiamo dire ‘diversa’ rispetto alle altre emittenti. Ma non solo: la nostra forza sta nell’essere in grado di attirare e allinearci tempestivamente agli interessi con argomenti sempre nuovi per i nostri ascoltatori. In termini di ranking e target non ci sono stati grossi cambiamenti. La conferma di crescita è una dimostrazione ulteriore che il lavoro che stiamo svolgendo da più di 45 anni, anni dove la mia famiglia è stata sempre presente, piace e per questo continuiamo ad essere ancora più invogliati a guardare verso il futuro. A tal proposito, il 2023 ci vedrà impegnati in un ampio programma di novità ed iniziative, tutte rivolte a rafforzare l’engagement con i nostri ascoltatori. Posso già anticipare che saremo presenti a Sanremo e che sempre a febbraio partiranno delle iniziative che coinvolgeranno i nostri ascoltatori tramite l’utilizzo di Kiss Kiss TV (San Valentino Kiss Cam e a San Faustino Single Cam). Ma non finisce qui!” – continua Lucia Niespolo – “Il 2022 è stato sicuramente un anno strategico per il lancio di importanti iniziative. Tra queste: abbiamo sviluppato da una parte delle attività off line (tra cui il Tour Kiss Kiss Play Summer Live) e dall’altra on line completando il nostro circuito cross-mediale di proprietà tramite l’inserimento della App. E’ nell’online dove stiamo testando le nuove iniziative e dove abbiamo già sviluppato contest decisamente unici nel loro genere e che hanno portato risultati incredibili. Ora i nostri ascoltatori ci possono sentire, vedere e seguire tramite la nostra Radio, su Kiss Kiss Tv, sulla nostra community social e sulla App. Con il network possiamo raggiungere, incrociare e fidelizzare sempre di più ascoltatori in rete! E questo lo abbiamo testato con i contest sviluppati: tramite la App è in corso “Vola a Sanremo” che terminerà nei prossimi giorni e nell’ultimo trimestre 2022 abbiamo sviluppato sui social “ViralizzAmi”, un contest che ha avuto un ritorno unico di views (più di 104mio). Per noi i social si sono dimostrati un canale decisamente importante: qui stiamo costantemente crescendo registrando un andamento da record! Siamo presenti e attivi su Facebook, Instagram, TikTok e Twitter e negli ultimi 90 giorni abbiamo registrato un totale complessivo di 23 milioni di utenti, utenti che hanno anche visualizzato i vari contenuti. Tramite la nostra continua attività registriamo qui un continuo e costante incremento nelle visualizzazioni e nel numero dei followers, oltre che nella copertura (+101,9% su Instagram e +17,3% su Facebook), tramite una strategia totalmente organica. L’engagement rate di Radio Kiss Kiss, inoltre, è costantemente tra i top 3 delle principali emittenti radiofoniche nazionali, confermando la capacità del brand di coinvolgere i suoi ascoltatori anche sui social network. Il nostro obiettivo resta quello di continuare ad aumentare la nostra brand image e la nostra brand identity. Lo posso dire: l’andamento ottenuto ci porta ad essere sempre più ‘carichi’ di idee. La nostra forza sta sicuramente nel palinsesto che proponiamo e che ogni anno vede anche iniziative ‘diverse’ rispetto alle altre emittenti radiofoniche (ad esempio il nostro amore per gli animali ha visto anche lo scorso anno presenti attività Pet Friendly sviluppate si on che offline e tramite contest). Aspiriamo a crescere grazie alla ‘diversità’ e alla qualità dei nostri programmi. Ci tengo a portare questo esempio: lo scorso anno a Pasqua abbiamo sviluppato ‘STOP WAR tutti assieme .. una sola voce’ ridisegnando il palinsesto e immaginando una Radio Kiss Kiss in ‘piazza’ dove noi e i nostri ascoltatori, tutti assieme, abbiamo manifestato con tutte le nostre forze il nostro dissenso alla guerra tramite in un confronto attivo. Parlando di target: l nostro target attuale spazia nei target adulti e giovani adulti ed è ben bilanciato tra uomini e donne. Terminerei con l’andamento della raccolta pubblicitaria: il 2022 lo chiudiamo in crescita a doppia cifra (risultato migliore del mercato) e confidiamo di ottenere, grazie agli andamenti costantemente in crescita degli ascolti, ulteriori dimostrazioni positive anche dalle Aziende che visti i risultati ottenuti non possono che continuare a puntare su di noi in sede di definizione della loro pianificazione!”

Fabio Tamburini

Fabio Tamburini direttore di Radio 24 e del Gruppo 24 ORE: “Anche in questo anno caratterizzato della crisi energetica e dalla guerra, Radio 24 si conferma ancora una volta punto di riferimento degli ascoltatori grazie al grande lavoro dei nostri giornalisti e conduttori e alla qualità del modo di fare informazione che caratterizza tutto il nostro gruppo editoriale. I dati confermano il ruolo di servizio pubblico di Radio 24 nell’aiutare a capire tutte le ricadute nella vita quotidiana della situazione economica, politica e internazionale.”

Federico Silvestri, Direttore Generale Media & Business Gruppo 24 ORE: “I dati di ascolto del 2022, uniti agli ascolti on demand sul sito e sull’app, alla produzione di nuovi podcast originali, confermano la fedeltà all’ascolto di Radio 24 e della sua proposta editoriale che viene ormai raggiunta dagli ascoltatori attraverso tutti i canali disponibili grazie al digitale e alla multicanalità. La nostra audio content strategy, implementata tre anni fa, sta dando infatti grandi risultati in termini di produzioni originali e di successo presso gli ascoltatori: i podcast hanno superato gli 8 milioni di ascolto al mese per una durata media di 45 minuti, un dato eccezionale che ci pone leader del settore. Questa strategia sarà sempre di più al centro dell’evoluzione di Radio 24. Anche il mercato – aggiunge Silvestri – ha riconosciuto la nostra grande capacità narrativa e in questo anno sempre più aziende ci hanno scelto come partner ideali sia per la produzione di contenuti in grado di comunicare con efficacia e autorevolezza i loro valori, sia per costruire relazioni più solide e durature con il proprio pubblico. Stesso successo è stato raggiunto anche nell’adesione agli eventi in esterna e alle digital round table. Lo conferma il dato straordinario dell’incremento a doppia cifra registrato nel 2022 sul fronte della raccolta pubblicitaria”.