Sanremo. Fiorello: “Fedez ha tolto le castagne dal fuoco”. E sul Cda…

Condividi

“Oggi puntata liscia, non è successo nulla a parte Fedez che ti ha tolto le castagne dal fuoco. Appena ho sentito il testo ho pensato: ‘ecco swiffer ha colpito ancora’”. Arriva in collegamento l’ironia di Fiorello sullo “swiffer delle polemiche”, come chiama l’amico Amadeus.

Rosario Fiorello (foto Ansa)
Rosario Fiorello (foto Ansa)

Fiorello si collega con il Teatro Ariston visibilmente infreddolito in una strada buia e ironizza: “Qui c’è allegria “ dice. “Mi vedi come vado piano? Centellino le forze per arrivare dove devo arrivare. Sai che la Ferragni – con il suo abito di ieri – mi ha dato una idea con la scritta dietro? Voglio scrivermi dietro ‘Pensami sveglio!'”

Poi torna sulla polemica del Cda della Rai che ha lamentato di non essere stato avvertito della presenza di Mattarella al festival: “Loro lo sanno mi conoscono. Io se devo fare una cosa chiamo il Cda, voi invece bazzecole come portare Mattarella al festival. Quando entro in Rai, io per andare a fare la pipì, prima chiamo il Cda Rai: posso andare?”

Fedez straccia la foto di Bignami con svastica al braccio

Si è conclusa con il rapper che ha stracciato la foto del viceministro alle infrastrutture e ai trasporti, Galeazzo Bignami, con una svastica al braccio, l’esibizione di Fedez al festival di Sanremo, con un frestyle scritto per l’occasione (“mi prendo tutte le responsabilità delle mie azioni, lo staff della trasmissione non sapeva nulla”, dice alla fine) e prodotto da Salmo, che ha preceduto l’esecuzione di ‘Problemi con tutti’.

“Se va a Sanremo Rosa Chemical scoppia la lite, forse è meglio il viceministro vestito da Hitler”, canta Fedez mostrando la foto del viceministro che poi ha strappato in diretta alla fine della sua esibizione collegato con il Teatro Ariston dalla nave Costa Smeralda. Molti i temi forti che Fedez ha toccato nei suoi versi, dall’aborto alla mafia al cancro che lo ha colpito, senza risparmiare una stoccata riferita alla querelle infinita con il Codacons.

Ecco il testo del free style di Fedez: “Uno sciacallo un avvoltoio e un egocentrico entrano in un bar/e il barista chiede ciao Fedez che cosa ti preparo/ Ah è il ritorno del coglione sulla traccia/Ma quello a cui nessuno l’ha mai detto in faccia/Che non è un fake/E non fa i video con la scaccia got ya/ Vieniti a prendere il perdono dalle mie braccia/Scendo da un catamarano con una carta in mano/Sono un Napoleone con la sindrome del nano/decido io quando venire bro me lo preparo, come Matteo Messina Denaro”.

“Frate non sei primo in niente se non sei primo in Fimi/che nella vita tutto ha un prezzo, pure gli streaming/Secondo a Sanremo con la vittoria dei Maneskin, “free the nipple” come Vicltoria dei Maneskin. Se va a Sanremo Rosa Chemical scoppia la lite/ forse è meglio il viceministro vestito da Hitler. Purtroppo l’aborto è un diritto/Sì ma non l’ho detto io, l’ha detto un ministro/A volte anch’io sparo cazzate ai quattro venti ma non lo faccio a spese dei contribuenti”.

“Perché a pestarne merde sono un esperto/Ciao Codacons guarda come mi diverto/Vabbè sdrammatizziamo/Ho avuto il cancro e come un vero duro sono andato in tele e ho pianto /Se penso a chi mi ha dato la forza guardo in alto il ricordo di Gianluca che porto su questo palco”.