Sanremo top & down: canzoni, ospiti, spot. Promossi e bocciati da Auditel

Condividi

Una crono analisi degli ascolti della seconda serata del Festival di Sanremo. L’attenzione per Fagnani che entra in scena e, soprattutto, poi nel finale (picco di share) fa la ‘belva’ con Amadeus e Morandi. Il picco di ascolto assoluto con Albano, Morandi e Ranieri che infiammano l’Ariston. Ospiti: bene Pegah e Drusilla, ‘male’ Black Eyed Peas. Crescendo notturno di Angelo Duro…

La seconda serata è partita senza andare troppo per le spicce. Avvio alle 20.43, alle 20.45 erano già stati raggiunti 10,150 milioni di spettatori con il 42,63%. Il primo cantante, Will alle 20.52, beneficia di una platea di 11,653 milioni di spettatori, poi i rientranti Modà arrivano a 12,5 milioni e l’ospitata di Francesco Arca a 13,530 milioni di spettatori.

Il break delle 21.13 – con Tim, Novi, Campari, Milk Pro, Mutti, Beretta, Mediaworld, Suzuki, Veralab e poi i promo – veleggia tra i 12,6 milioni e i 13,5 milioni. Bel colpo per gli spender ma non è stato il break più performante.

Entra la Belva

L’ingresso in scena di Francesca Fagnani rende al programma il raggiungimento di quota 14,7 milioni di spettatori, ma il picco assoluto arriva in ‘zona highlander’ (così li ha definiti Fiorello), quando si sfidano con le loro canzoni Gianni Morandi, Albano e Massimo Ranieri: 16,7 milioni e 62,9% alle 21.42.

Il break più fortunato, il ‘colpo’ di Wileda

Gode della parentesi nostalgia il break pubblicitario successivo (Hoya, Lavazza, Versace profumo, 500 Fiat elettrica, Mulino Bianco, Rio Mare, Tachipirina, Caffe Vergnano, Mercedes, Costa Crociere, Amazon Prime) che danza tra i 14,4 milioni ed i 14,8 milioni facendo felici tutti gli investitori di questo break. Ma da registrare pure come, con la scopa che agita Morandi sul palco da due giorni, con l’inconfondibile colore Wileda, il migliore affare di comunicazione sia stato generato incosapevolmente, gratis.

Colapesce e Di Martino

 Tra i cantanti sfruttano l’onda che in questa fase sospinge la platea sopra i 15 milioni Articolo 31, Lazza, Giorgia. E va forte anche il monologo di Pegah e Drusilla sulla libertà in Iran, che rimane sopra quota 15 milioni.

Nel break successivo si scende a 13 milioni, mentre Nek e Renga portano a casa fuori teatro oltre 14 milioni di spettatori. Canzoni? L’esibizione di Colapesce e Dimartino (votati in prima posizione di serata dalla stampa) fa 14,264 milioni di spettatori con il 63,56% di share.

Black Eyed Peas

Meno impattante – in tema ospiti – il lungo passaggio disco di Black Eyed Peas, che balla intorno ai 12 milioni. 

L’intervento ‘serio’ di Francesca Fagnani, alle 23.28, porta a casa 11,1 milioni di spettatori. Mentre con Fedez ‘polemico’ col governo si viaggia appena sotto la soglia dei 10 milioni (dalle 23.41).

Sul fronte delle canzoni – ma è già terza serata – subito dopo Madame fa 9,973 milioni e 64,36%, Levante 9,5 milioni e 65,54%. Dopo la pubblicità ed il Tg, Fiorello (64,84%), si registra poi questa sequenza importante: Tananai 66%, Rosa Chemical 66,5%, LDA 65,6%, Paola & Chiara 67,45%. Angelo Duro porta a casa un crescendo importante e chiude il suo intervento al 69%, rimanendo sempre sopra quota 5 milioni.

Il picco di share, sopra il 70% e poi al 71 coincide con lo spazio ‘Belve’ e le interviste a Morandi ed Amadeus e quindi le classifiche.