Alberto Barachini (Foto LaPresse)

Barachini: per l’editoria luce in fondo al tunnel con più autorevolezza e digitale

Condividi

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’informazione e all’editoria si sofferma sui temi centrali per il settore intervistato da Fortune Italia e ripreso da Adnkronos.

“Il governo è pronto ad aiutare chi è in difficoltà, ma deve esserci reciprocità. Sono convinto che la luce in fondo al tunnel della crisi sistemica dell’editoria debba accendersi con una visione e una gestione della transizione digitale e con il recupero dell’autorevolezza, attraverso regole chiare e condivise”. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’informazione e all’editoria, Alberto Barachini, in un’intervista rilasciata a Fortune Italia, in edicola domani, individua le chiavi di volta per uscire dall’impasse.

Per il sottosegretario “l’editoria tradizionale non può essere sostituita da quella digitale, perché la transizione richiede tempo e i ritorni economici sono diversi, ma – dice – lavoriamo in questa direzione con la convinzione che l’editoria digitale abbia ottime opportunità di sviluppo, a condizione che rispetti le stesse regole dell’editoria tradizionale. Da parte nostra – assicura il sottosegretario – noi siamo pronti a incentivare anche le testate che hanno solo vita digitale, in maniera più incisiva che in passato, a patto che queste rispettino regole e norme in vigore per tutto il settore”.

“La crisi non si supera con una immaginaria corsa all’oro nel far west – è il suo monito – ma con la piena apertura al progresso tecnologico e con la consapevolezza che i rischi legati ai nuovi processi debbano essere verificati con tempestività. In un’epoca così veloce – osserva il sottosegretario – serve avere una visione che anticipi gli effetti dell’innovazione”.