Bernd Reichart (foto LaPresse)

La Superlega cambia verso e pensa a un torneo aperto a tutti i club

Condividi

La Superlega aggiusta il tiro e lancia un suo nuovo progetto. “C’è un messaggio chiave che mandiamo a tutti: non ci saranno più membri permanenti, vogliamo puntare sulla meritocrazia”. A raccontarlo, in una intervista all’Ansa, Bernd Reichart, l’ad di A22, la società che promuove l’iniziativa.

Il progetto, nella nuova veste, prevede un campionato europeo aperto, con più divisioni e 60/80 club partecipanti qualificati in base ai tornei nazionali. “Abbiamo imparato dal dibattito che ha riguardato la proposta iniziale della Superlega”, ha spiegato Reichart. “Il merito sportivo è uno dei principi fondamentali. Sia club che tifosi vogliono una competizione attraente e competitiva”, ha concluso.