Wilkinson (Kantar): la misurazione dell’audience impatta su tutta la filiera media

Condividi

La misurazione dell’audience dei media è un tema caldo in tutto il mondo. Stuart Wilkinson, directordi Kantar, racconta in esclusiva a Primaonline come il suo gruppo affronta questa sfida.

“Nessun mercato è solo nell’affrontare la sfida del cambiamento dei comportamenti dell’audience. Kantar vanta un’esperienza senza pari a livello globale, con 62 mercati diversi che utilizzano la nostra tecnologia e le nostre soluzioni per misurare l’audience. La nostra esperienza nella misurazione basata sulle persone, combinata con una tecnologia e una scienza dei dati leader a livello mondiale, consente agli stakeholder di questi mercati di sfruttare i dati in modi diversi per soddisfare priorità diverse”.

Ogni mercati ha le sue caratteristiche. Come ci si adatta?

Il cambiamento richiede agilità, ma non basta fare la stessa cosa più velocemente; significa avere la versatilità di fornire soluzioni diverse per mercati diversi. Non esiste un approccio uguale per tutti: la scala globale di Kantar, unita alla sua comprensione delle sfumature dei mercati locali, ci permette di fornire le migliori soluzioni di misurazione dell’audience, rispettando al contempo tutte le normative locali e gli standard sulla privacy.

In Italia come siete posizionati?

Dal 2018 lavoriamo in collaborazione con Auditel e con l’industria dei media italiana per portare la nostra esperienza di innovazione e sviluppo nella misurazione dell’audience nel Paese.

Perché la misurazione di audience e la lettura degli Insight è così importante?

In prima battuta potrei rispondere che è importante perchè se audience e insight non vengono misurati, non possono essere valorizzati. Andando più nel profondo il tema è fondamentale perchè impatta su tutta la filiera, a partire da chi produce i contenuti. Mi spiego meglio: i creatori di contenuti stanno vivendo una nuova era ricca di possibilità creative perchè i contenuti premium sono più apprezzati che mai. Una misurazione efficace dell’audience e i relativi insight determinano il modo in cui la programmazione viene prodotta e commissionata. Conoscere per agire, insomma. Per le emittenti e i distributori di contenuti, le nuove forme di distribuzione al pubblico offrono opportunità per nuovi flussi di reddito che monetizzano sia i contenuti della library che quelli di nuova pubblicazione, con la misurazione dell’audience che guida le decisioni, dai modelli di prezzo alle scelte di programmazione. In parallelo, per gli inserzionisti e le loro agenzie, la misurazione dell’audience è fondamentale per determinare la reach della pubblicità negli ambienti di live broadcast e video on demand, che a sua volta è un potente motore di scala, di targeting efficace e, in ultima analisi, di creazione di valore.

PeopleMeter 7

Quanto conta la tecnologia nelle misurazioni dell’audience?

Moltissimo. In Kantar investiamo per garantire che i nostri sistemi di misurazione siano pronti per il futuro e costruiti per seguire le tecnologie e i metodi di distribuzione emergenti man mano che raggiungono la massa critica. Questo sforzo si è rafforzato negli ultimi anni anche grazie all’apporto dei nostri nuovi azionisti che credono moltissimo in questa area di sviluppo e hanno potenziato l’azienda. Per esempio, il nostro nuovo PeopleMeter 7, facile da installare, offre una misurazione broadcast all’avanguardia che, in combinazione con il nostro Focal Meter collegato a un router wifi, produce una misurazione di altissimo livello di tutte le forme di contenuto e pubblicità su tutte le piattaforme e i provider.