Kiev (foto Ansa)

L’aria che tira sui giornali. La super guerra

Condividi

Mentre, in Ucraina, i morti sono 300 mila, in Italia si bisticcia pro o contro Putin. Un clima raccontato bene dai giornali

Ma che peccato che molti italiani preferiscano guardare la tv anziché leggere i giornali, perché non hanno idea di quante succose, romanzesche e forse irripetibili storie si stanno perdendo: dagli sguardi sorpresi, anzi un po’ spauriti dei passanti- e solo sui giornali avrebbero potuto trovare i dettagli- di coloro che pochi giorni fa avevano visto sfilare a via Giulia, una delle vie più storiche della capitale, un gruppetto di camicie nere, proprio come quelle di una volta, che però, vai a capirlo, erano solo comparse di una serie su Mussolini che un regista inglese sta girando, ispirato al libro ‘M’ di Scurati.

Per non parlare poi dei coloriti retroscena del “tete a’ tete” tra Meloni e Zelensky, ed è cronaca di queste ore- delle baruffe in Italia tra filo ucraini e filo russi che stanno montando dentro e fuori del Parlamento come se fossimo alla vigilia di una nuova guerra mondiale, e il Corriere della sera che oggi scodella un sondaggio dell’istituto Ispos che sostiene che un italiano su due “non si schiera” su questo conflitto, e vai a capire cosa vuol dire “solo il 7% è con Mosca”.

E tornando ai ricordi suscitati dalle comparse per strada a Roma vestite da fascisti, ecco sui giornali di oggi i dettagli della tirata d’orecchie che il ministro dell’istruzione ,Giuseppe Valditara, ha fatto alla preside Savino del liceo fiorentino Leonardo Da Vinci, che aveva scritto una lettera a alcuni suoi studenti che erano stati malmenati come ai vecchi tempi, da altri ragazzi insomma un po’ squadristi. E i giornali anche su questo fattaccio si accapigliano perché sull’antifascismo citato persino dalla nostra Costituzione non si dovrebbe scherzare oppure sì. Insomma, per dire, un clima che, mentre in Ucraina si contano ormai 300 mila morti, si surriscalda come se ad abbracciare le armi pro o contro Putin fossimo anche noi. Con il rischio che dopo gli scontri sul super bonus vada in scena la super guerra.