Sabato, domenica e lunedì. Spettacoli, musica e cioccolato

Condividi

Gene Gnocchi presenta il suo nuovo ‘partito’: ‘Il movimento del nulla’. Serena Dandini porta in scena la comicità (e la ‘cretineria’) femminile. A Torino c’è chi pattina sulle musiche da film, a Milano c’è chi gusta il cioccolato sui suoni di Beethoven.

Gene Gnocchi

Gnocchi in politica

Sabato e domenica, al Franco Parenti di Milano, scendono in campo le ultime repliche del ‘Movimento del nulla’. L’idea è venuta a Gene Gnocchi in occasione delle ultime elezioni. Da lì, dalle tante promesse a vuoto, ha deciso di fondare un partito ‘spettacolare’. Così adesso porta in teatro questo che è uno spettacolo e al tempo stesso un comizio (sul Nulla, naturalmente), con tanto di gadget per il pubblico e interazione con chi sta in sala. Su un podio, con tanto di bandiere alle spalle, l’attore comico affronta nel corso della serata temi di attualità varia.

Ernst Knam

Com’è goloso Beethoven

I ‘Concerti da gustare’ nascono da un’iniziativa dell’Orchestra Sinfonica di Milano per affiancare la musica ad altri mondi, con una contaminazione che attiri pubblici diversi. Sabato, lo chef Ernst Knam e l’Orchestra diretta da Ruben Jais, che interpreta la Sinfonia n.7 in La Maggiore op.92, intrattengono gli spettatori-commensali “spiegando Beethoven con un cioccolatino”.

Senhit

Voce

Sabato, serata finale del festival ‘Una voce per San Marino’. 22 gli artisti in gara per rappresentare il Titano all’Eurovision Song Contest 2023. Per il secondo anno, al Teatro Nuovo Dogana di San Marino, conduce la serata Senhit. L’artista, nata a Bologna e adesso in radio con la ballata ‘Try to love you’, in giugno presenterà anche il Gran Galà del Festival internazionale di Cori Lgbtq+ Various Voices.

‘Anatomia’ di un collettivo

Lacasadargilla, collettivo teatrale, ha appena debuttato al Teatro Grassi con ‘Anatomia di un suicidio’, dove il testo di Alice Birch (drammaturga, ma anche sceneggiatrice di ‘Normal People’ e ‘Succession’) trova una forma scenica molto coinvolgente, nel suo affiancare tre storie familiari lungo tre generazioni femminili. Sabato e domenica, la stessa casadargilla riprende anche – nel chiostro del Piccolo Teatro, in via Rovello – il progetto ‘Città sola’, dal libro di Olivia Laing: un prologo dal vivo, un podcast e una mappa virtuale che accompagna lo spettatore-viaggiatore lungo la città.

Carolina Kostner (Foto Augusto Bizzi)

Pattinando sui film

Sabato, al PalaVela di Torino, lo show ‘Cinema on Ice’ accompagna con colonne sonore storiche alcune performance sul ghiaccio. A esibirsi, fra gli altri, Carolina Kostner, i campioni olimpionici Gabriella Papadakis e Guillaume Cizeron, il giovane italiano Daniel Grassl e il giovanissimo Raffaele Zich. Gli atleti pattineranno danzando sulle musiche di Ennio Morricone (‘C’era una volta in Americ’, ‘Mission’), di film come ‘Titanic’ o ‘Star Wars’. La serata è prodotta da ProdeaGroup, con la collaborazione del Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Serena Dandini

Cretina chi?

“Un format teatrale che vuole celebrare la cretineria al femminile”. Così lo presenta Serena Dandini, al Carcano di Milano fino a domenica. ‘Vieni avanti cretina. Next!’. In scena con altre 8 attrici (fra loro, Antonella Attili e Alessandra Faiella), la Dandini – ideatrice del varietà – celebra così l’emancipazione della comicità femminile, fra provocazione e gioco.

Gino Strada

La Calabria per Strada

“Certe volte è più facile aprire un ospedale a Kabul”, diceva Gino Strada. Dopo la chiusura dell’unico ospedale in zona, a Cariati in Calabria, Emergency è intervenuta per dare una mano a un sistema sanitario al collasso. Il racconto fa parte del documentario di Federico Greco e Mirko Melchiorre ‘C’era una volta in Italia’. La proiezione lunedì a Genova, Circuito Sivori.

cc

Lunedì alla Cineteca Milano Arlecchino il regista Alex Infascelli presenta (al cinema, nelle sale del circuito Wanted, per soli tre giorni) ‘Kill me if you can’. Il documentario racconta la storia di Raffaele Minichiello, 19enne italiano emigrato negli Usa, cui si deve – era l’anno 1969 – il più lungo dirottamento della storia dell’aviazione. Il film è prodotto da Fremantle Italia e The Apartment, con Rai Cinema.