Oltre 300 gare e 1600 ore live. Al via la stagione dei motori Sky

Condividi

Con il Gp del Bahrein in programma domenica 5 marzo si apre ufficialmente la stagione dei motori su Sky. Una stagione quella del 2023 che per la pay coincide con due anniversari tondi: 20 anni di presenza in italia e 10 anni per il canale tematico F1, acceso nel 2013.
“Su Sky hanno casa 22 discipline sportive” ha ricordato Marzio Perelli evp Sky Italia alla presentazione ufficiale nella cornice dell’Autodromo di Monza. “E i motori, dalle 2 alle 4 ruote, dalle più rombanti a quelle più silenziose, ha continuato, sono il nostro fiore all’occhiello. Che vogliamo raccontare anche con il nostro “sky touch”, con contributi da studio, e analisi su cui investiamo tanto”.

Si aggiunge il Wec

I numeri per il 2023 prevedono oltre 320 le gare, in 43 week end con più di 1600 ore di programmazione, compresi studio e rubriche. Tutto raccontato live su Sky, in differita su Tv8 – dove ci sarà anche una selezione di corse in chiaro (5 per la F1, 6 per le moto) -, e in streaming su Now. “Perchè lo streaming – ha rimarcato Guido Meda – noi lo abbiamo acceso 13 anni fa”.

New entry stagionale il mondiale Endurance Wec con il ritorno della Ferrari dopo 50 anni.

Guido Meda con Marzio Perelli

Novità e conferme per la F1

La prima a partire sarà la Formula 1 – su Sky fino al 2027. Ai volti e alle voci confermate – Carlo Vanzini, Marc Genè, Federica Masolin, Davide Valsecchi, Roberto Chinchero, Matteo Bobbi – si aggiunge la novità Ivan Capelli cui saranno affidati dei commenti in occasioni speciali con incursioni a Race Anatomy.

Novità il collegamento diretto con il muretto per sentire le voci dei protagonisti – piloti e non solo – dai box.
Così come novità sarà un maggior presenza social, dove i canali Sky F1 hanno registrato 1,8 miliardo di impression. La F1, che ha aperto le dirette nei giorni scorsi con la trasmissione dei test anche su Youtube, si arricchisce infatti di una nuova rubrica social la mattina della gara con Federica Masolin e Davide Valsecchi. 

Nuova sigla di Jovanotti per la Moto

Guido Meda e Vera Spadini sono i volti confermati per il racconto della moto, al via il 26 marzo dal Portogallo. Si riparte con una bella fetta di italianità tra il ruolo da protagonista di Ducati e Aprilia e i giovanissimi piloti italiani.

La squadra moto, con Guido Meda e Vera Spadini

Nel corso della stagione – che vede aggiungersi due tappe in più rispetto al 2022, con Kazakistan e India – debutta il format della sprint race il sabato pomeriggio. Mentre per Sky le due novità sono ‘Si fa bello per te’, la sigla firmata da Jovanotti per le trasmissioni, e la rubrica ‘Parto in Quarta’ con Fabio Quartararo, in cui il campione Moto Gp2021 racconterà il pregara, la pista e spaccati della sua vita da pilota.