Cinque minuti, Vespa senza botto con Meloni. Dopo che il Tg5 ha battuto il Tg1

Condividi

Tre domande tre, nel tempo prestabilito, del conduttore alla premier, che ha risposto in collegamento e non da ospite in studio. Un esito buono, ma non eccezionale: inferiore a quello del Tg1 e de I Soliti Ignoti. Nella serata in cui Costanzo ha miracolato Mimun….

La canzone di Maurizio Arcieri, ‘Cinque minuti e poi’ in sottofondo nella sigla e poi le terribili immagini di Cutro, ma anche quelle del viaggio di Giorgia Meloni in Ucraina hanno scandito l’avvio di ‘Cinque Minuti’, la nuova fatica televisiva di Bruno Vespa.

Il programma è collocato nell’access prime time di Rai1, quasi a bilanciare i dieci minuti de ‘Il Cavallo e la Torre’ di Marco Damilano sulla terza rete nella fascia precedente. Vespa ha fatto una concorrenza solo virtuale alle varie Lilli Gruber (La7), Barbara Palombelli (Rete4), Manuela Moreno (Rai2), protagoniste da sempre della fascia dopo i tg, ma con trasmissioni più lunghe di quella di Rai1 e non confrontabili.

‘Cinque Minuti’ risulta infatti perfettamente incastrata tra i due programmi di maggior ascolto della televisione, per lo meno in termini di stabilità delle prestazioni, e cioè il Tg1 delle 20.00 e ‘I Soliti Ignoti’ di Amadeus.

L’intervista a Giorgia Meloni ed il programma sono durati esattamente quanto promesso nel titolo. Su Cutro, aprendo il programma, Vespa ha ‘domandato’ a Meloni: “Ancora una volta l’Europa si straccia le vesti ma non muove un passo, mentre l’opposizione attacca severamente la politica del governo…”.

Seconda domanda: “L’abbiamo vista commossa davanti ai peluche dei bambini uccisi a Bucha e lei ha confermato a Zelensky pieno appoggio nonostante una buona parte dell’opinione pubblica sia contraria all’invio di armi…”. Terza domanda del conduttore. “Una donna al comando del partito democratico. Bonaccini prometteva un’opposizione severa, ma collaborativa, la Schlein annuncia un’opposizione durissima. Un bel confronto tra due donne leader…”. Poi il passaggio del testimone ad Amadeus.

I numeri in questione

Cosa dice Auditel? Una buona prestazione, decisamente, ma non esaltante. ‘Cinque Minuti’ ha conseguito 5,165 milioni di spettatori con il 23,6%. Subito prima, il Tg1 aveva ottenuto 5,368 milioni di spettatori ed il 25,27%. Particolarità della serata, per una volta – nella giornata in cui i funerali di Maurizio Costanzo hanno messo al centro dell’offerta tv Canale 5 – il Tg5 ha battuto le news rivali, conseguendo 5,375 milioni di spettatori con il 24,94%. Dopo Vespa, comunque, Amadeus è risalito a 5,255 milioni ed il 23,38%.

In prima  serata, poi, gli equilibri tra ammiraglie sono tornati normali: ‘Fiori sopra l’inferno’, la fiction con Elena Sofia Ricci, ha avuto 4,834 milioni di spettatori ed il 24,83%, mentre su Canale 5 il ‘GF Vip’ si è fermato a 2,9 milioni ed il 21,44% (su una durata però molto più estesa).