L’aria che tira sui giornali. Schlein in campo ed è subito guerra anche tra i dem

Condividi

E’ stata appena eletta e già, all’interno del Pd, tira aria di possibili scissioni perché la decisa “svolta progressista” – titola ‘La Repubblica’ – di Elly Schlein lascia l’amaro in bocca a “riformisti”, cattolici e tradizionalisti che vorrebbero che il Pd seguisse tutt’altra strada. E non c’è giornale che non dia loro spazio non trascurando l’ipotesi di eventuali e possibili
scissioni.
In fondo, era proprio una “rottura” con il grigio e fin troppo deludente passato che la neo leader cercava, anche se si è subito dichiarata disposta a dare cariche di rilievo ai perdenti. E, per provocare simili reazioni, cosa avrebbe mai detto la Schlein di così progressista? Uno, la partecipazione dell’Italia alla guerra in Ucraina ma “da pacifista” cioè senza armi da inviare a Zelensky. Due, alleanza con i 5stelle per battere Meloni e la destra alle elezioni europee del 2024. Terzo, lotta aperta, senza mezze misure, per garantire il salario garantito e mettere fine ad ogni forma di precariato. Quarto, picchiare sodo su una destra che è più destra di quanto oggi gli italiani possano immaginare.

E la Meloni subito si congratula con lei annunciando da Bruno Vespa che la lotta tra loro “sarà durissima”. Ma ora si tratta di vedere se la Schlein avrà muscoli e tempra sufficienti per raggiungere un simile traguardo. Con un di più che attirerà la curiosità e forse anche l’interesse di milioni di spettatori perché, nella storia del nostro paese, non si erano mai viste due donne darsele così di santa ragione.