Vladimir Putin (Foto Ansa)

Russia, si rafforza la censura: fino a 15 anni di carcere a chi scredita i combattenti

Condividi

Misure anche per tutelare il gruppo Wagner

La Russia rafforza ulteriormente le leggi sulla censura, con una serie di emendamenti – al voto alla Duma – che prevedendo fino a 15 anni di carcere per chi scredita le forze armate e le organizzazioni militari volontarie come il gruppo Wagner.

Oltre alla detenzione, le pene previste comprendono multe fino a 5 milioni di rubli (circa 66.580 dollari), lavori correttivi o forzati fino a cinque anni.
“Qualsiasi tipo di diffusione pubblica di informazioni consapevolmente false e azioni pubbliche volte a screditare le Forze armate russe, le unità di volontari è inammissibile”, ha detto il presidente della Duma Vyacheslav Volodin su Telegram, ripreso da Interfax.

Quasi 6000 casi aperti

A oggi, segnala Reuters, i magistrati russi hanno aperto più di 5.800 casi con accusa di aver screditato le forze armate, mentre le autorità hanno usato queste leggi per colpire con lunghe pene detentive dissidenti e oppositori del Cremlino.