Andrea Abodi (foto Ansa)

Pirateria, Abodi: fare sistema contro fenomeno. Tempi rapidi per ddl

Condividi

Fare sistema per contrastare la pirateria. Questo è il messaggio che il ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, ha trasmesso al presidente della Fapav – Federazione per la Tutela delle Industrie dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali – Federico Bagnoli Rossi, in occasione di un incontro centrato su come contrastare il fenomeno dell’illecita visione di contenuti audiovisivi ed eventi online, tra cui quelli sportivi, che colpisce diversi comparti industriali del Paese.

“Al ruolo essenziale di Agcom si deve affiancare al più presto una nuova legge antipirateria già in discussione in Parlamento in queste settimane”, ha sottolineato Bagnoli Rossi che con il ministro ha identificato come priorità quella di mettere in campo azioni concrete per contrastare il fenomeno, colpendo chi lucra con la pirateria.

Abodi, in particolare, ha affermato che il governo farà quanto possibile, cominciando dall’approvazione del disegno di legge sul tema, di cui sono primi firmatari Federico Mollicone (FdI) e Elena Maccanti (Lega).
“Vogliamo partecipare come governo a questo impegno di sistema – ha dichiarato – e sarà mia responsabilità interagire, di concerto con altri colleghi ministri, anche con il Parlamento, per raggiungere tempestivamente l’obiettivo di contrastare un fenomeno criminale che fa leva sulla passione popolare nei confronti del calcio, ma in modalità illegali sia per chi lo offre, che per chi lo utilizza”.

L’auspicio, dunque, è arrivare all’approvazione di un testo “che entri in vigore prima dell’estate”, o comunque, “in tempo utile per l’implementazione di nuovi, tempestivi ed efficaci strumenti d’intervento, prima dell’inizio del nuovo Campionato”, ha precisato Abodi. “Sarà fondamentale usare tecnologia avanzata affidata a istituzioni qualificate, nell’ambito di procedure inequivocabili”.