La “Grande Bellezza” è lo sport che torna a Trento

Condividi

Con il Festival che si terrà dal 12 al 15 ottobre 2023

Sempre la stessa squadra in campo per la sesta edizione de Il Festival dello Sport che si terrà a Trento, dal 12 al 15 ottobre, organizzato da La Gazzetta dello Sport e da Trentino Marketing, con la Provincia autonoma di Trento, Comune di Trento, Università degli studi di Trento, Apt di Trento e con il patrocinio del CONI e del Comitato Italiano Paralimpico.

Con il titolo “La grande bellezza” a sintetizzare la passione per lo sport, l’appuntamento sportivo e culturale ospiterà come al solito tantissimi eventi con i protagonisti del grande sport nazionale e internazionale. Il Festival dello Sport tornerà nei teatri e palazzi storici, nelle piazze, nei musei e nei cortili a soddisfare le migliaia di persone affamate di talk, interviste, eventi live con protagonisti campioni, giornalisti, narratori delle grandi passioni degli italiani.

Le piazze dedicate ai camp, realizzati in collaborazione con le federazioni e le associazioni dei vari sport, quest’anno saranno dedicati all’arrampicata, al padel, al basket e alle arti marziali al debutto.

Importante novità il Gazzetta Active Village, una grande palestra a cielo aperto in Piazza Dante dedicata all’attività fisica indoor e outdoor, un festival del wellness coordinato dal campione Yuri Chechi., con corsi per allenarsi in compagnia dei grandi campioni, e la possibilità di ascoltare i consigli dei migliori allenatori, nutrizionisti ed esperti.

Impegnatissimo sul Festival di Trento Urbano Cairo, presidente e ad di RCS MediaGroup, che lo ha voluto trovando nella squadra della Gazzetta, pilotata da Gianni Valenti, vice direttore vicario e direttore scientifico del Festival, e nelle istituzioni di Trento dei partner irriducibili.

Maurizio Fugatti, presidente della Provincia Autonoma di Trento testimonia come “Il connubio con Gazzetta dello Sport è ormai consolidato e sempre più fruttuoso. Il Festival rappresenta un grande messaggio mediatico di promozione per Trento e per il Trentino, che in quei giorni diventano capitali dello sport. Del resto, noi abbiamo investito molto sullo sport e non è un caso se in quasi tutte le competizioni sportive internazionali ci sia quasi sempre un atleta trentino che si mette in luce, ricordo, ad esempio, i recenti successi di Pietro Sighel ai mondiali di Short Track. Stiamo, inoltre, lavorando – ha detto ancora Fugatti – per il grande appuntamento delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi invernali del 2026”. Al riguardo il presidente ha annunciato l’intenzione della Provincia di trasformare l’Ospedale riabilitativo di Villa Rosa a Pergine Valsugana in un centro per lo Sport paralimpico di rilievo nazionale.

Gli fa eco Roberto Failoni, l’assessore provinciale allo sport e turismo che sottolinea “crediamo fortemente nel connubio fra sport e turismo e nella valenza sociale e culturale dello sport. Non è un caso, infatti, se siamo definiti come la provincia più sportiva d’Italia”.

E poi c’è il motore economico di questa e di molte altre manifestazioni che si svolgono in Trentino (come il Festival dell’Economia organizzato con il Sole 24 Ore) l’amministratore delegato di Trentino Marketing Maurizio Rossini che racconta “Per quanto riguarda i Camp abbiamo le conferme del basket, con il 3×3, una formula molto vicina ai giovani, di arrampicata e padel. La novità saranno le arti marziali, per avviare tanti giovani a queste bellissime discipline dal punto di vista fisico, ma anche psicologico”.

“Quando penso al Festival dello Sport, mi viene subito in mente l’associazione con la parola “valore” declinata in modi diversi” sottolinea il sindaco di Trento Franco Ianeselli. ” C’è il valore del campione, ci sono i valori educativi, c’è il valore per la comunità e non ultimo, l’importante valore economico. Quindi il Festival dello Sport è sicuramente un grande valore per una città che quando vuole sa essere capitale, come avverrà nel 2024 quando Trento sarà capitale europea del volontariato”.

Non poteva mancare la voce del presidente del CONI Giovanni Malagò: “Questa formidabile idea che ha saputo creare un contesto dedicato allo sport a tutti i livelli ha vinto la scommessa grazie alla straordinaria partecipazione di pubblico che solo nell’ultima edizione ha contato 50mila presenze a Trento e 16 milioni di video views nel Web. Per il sesto anno sarà un lungo e meraviglioso viaggio, con sempre maggiore successo.”

E la straordinarietà di Trento la si registra con la presenza di una delle poche donne che hanno un ruolo di peso nelle istituzioni sportive, Paola Mora, presidente del Coni di Trento, che del Festival dello Sport apprezza “la capacità di far incontrare il pubblico con i grandi campioni”, mentre Massimo Bernardoni, presidente del Comitato paralimpico di Trento, nel ringraziare la Provincia per l’impegno a sostegno dello sport paralimpico ha sottolineato “come il Festival fornisca motivazioni e stimoli a tutti gli atleti”.