Ucraina: 29 giornalisti uccisi e 54 crimini contro i reporter dall’inizio dell’invasione

Condividi

La polizia ucraina ha riferito che, dall’inizio dell’invasione russa del suo territorio, sono stati individuati 54 casi che potrebbero essere considerati crimini di guerra contro giornalisti e sono stati avviati procedimenti penali sulla base di questi ipotetici crimini.

Il vice capo della polizia nazionale ucraina, Maxim Tsutzkiridze, ha riferito che ci sono stati 29 casi di giornalisti morti, 17 feriti e 12 che sono stati ritrovati nel territorio controllato dalla Russia, ai quali era stata negata la libertà di movimento.

“Alcuni giornalisti sono in carcere. Tutti questi eventi sono oggetto di indagine”, ha detto la polizia, aggiungendo che attualmente sta indagando su dieci casi, tra cui che riguarda la privazione della libertà di un giornalista ucraino, Oleg Baturin, scomparso nella regione di Kherson mentre copriva la guerra per il quotidiano ‘Novy Den’: “È stato rilasciato e sta testimoniando in un processo che vede imputate le autorità di occupazione a Kherson”.