Open Fiber: coniugare digitalizzazione e sostenibilità

Condividi

Coniugare la transizione digitale con la transizione ambientale e dunque operare avendo come direttrice la sostenibilità. E’ questa la linea su cui si muove l’azione di Open Fiber.

“La rete con la tecnologia Open Fiber – ha spiegato l’amministratore delegato, Mario Rossetti, in occasione del Festival Euromediterraneo dell’economia – consuma l’80 per cento di energia in meno rispetto a una rete tradizionale e quindi qualsiasi utilizzo della nostra rete crea sostenibilità”.

Ma l’azienda non si accontenta e sta lavorando a un ragionamento più ampio che riguarda lo switch off del rame e delle vecchie tecnologie. “E’ un processo che deve essere fatto in modo ordinato – ha evidenziato – ma che va sicuramente nella direzione della sostenibilità dell’intero Paese”. Secondo i dati riferiti, la migrazione dal rame alla fibra ha infatti non solo un risvolto economico, ma anche di sostenibilità energetica: vari studi internazionali riportano riduzioni intorno all’85-90 per cento per le reti di accesso in fibra rispetto a quelle in rame.