La parità di genere, incontro alla Camera

Condividi

Come spesso succede, la posizione in classifica è sconfortante. Rispetto alla parità di genere nel campo della politica, l’Italia è al 40° posto su 146 Paesi, al di sotto della media europea.
E la situazione è peggiorata dopo le ultime elezioni di settembre: la percentuale di donne in parlamento si è abbassata al 31%, segnando il primo calo in 20 anni.

L’incontro

Nasce da questi numeri l’idea dell’onorevole Elena Bonetti, ministra per le Pari opportunità e la Famiglia nei governi Conte 2 e Draghi, di organizzare un incontro sul tema.
L’incontro si svolge martedì 21 marzo nella Sala Refettorio della Camera dei Deputati, organizzato in collaborazione con Comin & Partners.
Il titolo della mattinata è ‘Parità che genera. L’importanza della parità di genere nelle imprese e in politica a 75 anni dall’entrata delle donne in Parlamento’.

La prima volta

Due anni dopo quel 1946 in cui per la prima volta le donne poterono esercitare il diritto di voto, in Parlamento entrava infatti Nilde Iotti, che sarebbe in seguito diventata anche la prima presidentessa della Camera.
Oggi abbiamo una presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e una segretaria del principale partito d’opposizione, Elly Schlein.
Tuttavia – per quanto senza dubbio migliorata rispetto all’immediato dopoguerra – la condizione femminile incontra tuttora molte difficoltà.

Donne e lavoro

Il problema della crescita della presenza femminili non tocca solo la politica ma anche il mondo del lavoro: nonostante numerosi studi dimostrino che le aziende più inclusive in termini di gender equality crescono più rapidamente delle altre, nei ruoli apicali si trovano pochissime donne.
L’incontro organizzato dall’onorevole Bonetti nasce con l’obiettivo di agevolare un dialogo sul tema, per mettere in luce – tramite casi di successo ed esperienze dirette – come gli strumenti che agevolano la parità di genere siano fondamentali per favorire la crescita, l’attrazione dei talenti e l’innovazione.
Infatti, secondo le stime diffuse dal Diversity Brand Index 2022, i brand che promuovono inclusività registrano profitti mediamente superiori, anche del 23%, rispetto ai competitor.

Le (e il) partecipanti

La tavola rotonda, che si aprirà con i saluti di Marina Elvira Calderone, ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, sarà introdotta da Elena Bonetti e moderata da Elena Di Giovanni, vice presidente di Comin & Partners.
All’evento parteciperanno: Fulvia Astolfi, avvocata e cofondatrice Obiettivo Cinqu; Ciro Cafiero, avvocato e founding partner dello studio legale Cafiero Pezzali e Associati; Rosalba Benedetto, direttore comunicazione, marketing, public affairs e sostenibilità di Banca Ifis; Monica Lucarelli, assessora alle Politiche della sicurezza, Attività produttive e pari Opportunità del Comune di Roma; Valeria Manieri, cofondatrice, campaign manager e rapporti esterni Le Contemporanee; Paola Mascaro, chair G20 Empower italian presidency; Eleonora Santi, direttrice external affairs Philip Morris Italia.