Andrea Abodi (foto Ansa)

Pubblicità scommesse, Abodi: affrontare tema. Serve comunicazione su gioco legale

Condividi

Il ministro apre a una revisione sul divieto introdotto dal decreto dignità

Il tema delle pubblicità di giochi e scommesse e delle sponsorizzazioni per club ed eventi sportivi torna all’attenzione della politica, dopo che il ministro Andrea Abodi, in Commissione Cultura, ha confermato di essere al lavoro sulla questione, aprendo a una revisione del Decreto dignità del 2018, che ne aveva imposto il divieto.

Confronto nel Governo

“Il tema va affrontato attraverso un confronto anche all’interno del Governo”, ha spiegato ripreso dall’agenzia Ansa. “Ritengo che il gioco legale oggetto di concessione, che consente allo stato di introitare delle risorse finanziarie rilevanti, abbia bisogno di una sua comunicazione – anche sociale – che sottolinei l’importanza della legalità e del contenimento del gioco in una dimensione sostenibile per le persone” “
Fondamentali sono anche temi come la trasparenza e la tracciabilità che il gioco legale garantisce rispetto a quello illegale”.

“Ho portato all’attenzione della Commissione Cultura della Camera un tema sul quale bisogna riflettere, così come il tema del diritto alla scommessa”.
Per poi aggiungere: “non è pensabile che chi organizza un evento sportivo in Italia non partecipi alla catena del valore come partecipano lo stato e le aziende, senza dimenticare i vincitori attraverso il montepremi. Mi auguro che ci possa essere un confronto ampio”.