Twitter, crescono le alternative: ecco T2. Con spunta blu gratis

Condividi

Lanciato da ex veterani di Twitter e Google, al nuovo social si accede su invito

Dal primo aprile Twitter comincerà ad eliminare la spunta dagli account verificati che non hanno un abbonamento al servizio Blue. L’attivazione dell’opzione, fortemente sostenuta da Elon Musk, potrebbe offrire l’assist per far crescere il peso di social alternativi.
Oltre al più popolare Mastodon, per accogliere i delusi del social dei cinguettii si fa avanti la piattaforma T2.

Cos’è T2

Creata a novembre del 2022 e lanciata a gennaio da ex veterani di Twitter e Google, Sarah Oh e Gabor Cselle, la piattaforma si pone l’obiettivo di far rivivere l’esperienza de primo Twitter, una piazza dove pubblicare testi brevi e veloci, senza interferenze di annunci e post sponsorizzati.
Anche se più piccolo, per numero di utenti T2 può contare da poco anche sull’esperienza di Michael Greer, ex manager della piattaforma di chat Discord, molto popolare in Usa. A lui il compito di far crescere il social dal punto di vista tecnologico.

Su invito

Ad oggi, l’accesso a T2 può avvenire solo tramite un invito ufficiale da parte del team di sviluppo. Ora la piattaforma permetterà ai suoi iscritti di trasferire la verifica già in possesso su Twitter sulla nuova app, mantenendola gratuitamente, entrando nella lista di attesa per entrare nel servizio.
Non vi è un limite geografico: T2 è disponibile liberamente, anche in Italia.

Spunta a pagamento su Meta

Di recente, ricorda Ansa, anche Meta ha svelato il piano per rendere le spunte blu a pagamento su Facebook e Instagram. Disponibile negli Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, Meta Verified consente di ottenere il badge accanto al proprio nome e di sfruttare funzionalità dedicate, tra cui quelle di sicurezza per evitare la clonazione del profilo e crediti per sostenere i creator che si seguono.