In Umbria è guerra degli abbinamenti tra quotidiani

Condividi

Dal 1° aprile il Corriere dell’Umbria sarà venduto in abbinamento con La Gazzetta dello Sport: due quotidiani a 1,50 euro. Niente di eccezionale, se non fosse che anche gli altri due quotidiani che dispongono di edizioni locali, La Nazione e Il Messaggero, hanno messo in programma dallo stesso giorno iniziative identiche, La Nazione insieme a Tuttosport a 1,70 euro, e Il Messaggero con Corriere dello Sport (edizione rossa) a 1,40 euro.


La curiosa battaglia degli abbinamenti ha ovviamente sullo sfondo il tentativo dei concorrenti di contrastare il piano di rilancio del Corriere dopo il passaggio della proprietà da Tosinvest al gruppo Polidori (eCampus, Link University, Cepu, Scuola Radio Elettra eccetera) che ha visto in un primo momento la nomina di un nuovo direttore (Sergio Casagrande, già vicedirettore vicario) e la rivisitazione della grafica e dei contenuti e ora prosegue con la riapertura delle redazioni locali chiuse al culmine della pandemia, a marzo Terni, da lunedì 3 aprile Siena a cui seguiranno nelle prossime settimane Arezzo, città di Castello e Foligno con conseguente aumento della foliazione delle diverse edizioni locali, e una mezza dozzina di nuovi giornalisti in redazione fra consolidamento di precari e assunzioni, in buona parte destinati ad una inedita redazione che seguirà la rete web del giornale con siti anch’essi largamente rivisitati, con una nuova veste grafica visibile online da martedì 4 aprile.