Caso Gershkovich, Metsola: giornalisti non sono pedine per giochi politici

Condividi

“I giornalisti devono essere liberi di fare il loro lavoro, non essere usati come pedine nei giochi politici”. A cinguettarlo la presidente dell’Eurocamera Roberta Metsola intervenendo così sul caso del giornalista del Wall Street Journal, Evan Gershkovich, detenuto in Russia.

Metsola ha definito l’arresto e la detenzione del cronista “totalmente inaccettabile”. “Questa non è altro che un’intimidazione ai giornalisti, un tentativo di mettere a tacere la cronaca in Russia”, ha attaccato.