Carte segrete Usa, il Nyt scova la talpa. E la Cnn trasmette in diretta l’arresto

Condividi

Che avesse le ore contate la talpa che ha fatto trapelare documenti top secret americani sulla guerra in Ucraina si poteva facilmente immaginare. Dopo l’identikit tracciato dal Washington Post, che lo aveva identificato con il nick name di Discord Og, è stato il New York Times a rivelarne l’identità.

Chi è la presunta talpa

Si tratta di Jack Teixeira, un 21enne aviatore della 102esima Intelligence Wing della Guardia Nazionale del Massachusetts, promosso ‘Airman First Class’ nel luglio scorso.
Il giornale l’ha identificato attraverso il suo profilo sulla piattaforma e altri dettagli digitali, come l’interno della sua casa d’infanzia – postata sui social in foto di famiglia – che coincidono con quelli ai margini delle foto dei documenti classificati fatti trapelare.

La Cnn ha trasmesso le immagini dell’arresto show della presunta talpa Jack Teixeira

Arresto di Teixeira sulla Cnn

L’arresto di Teixaira da parte dell’Fbi, nella sua casa a North Dighton in Massachuttes, è stato trasmesso quasi in tempo reale dalla Cnn, con il giovane che in calzoncini corti e t-shirt verde militare è stato costretto a consegnarsi fuori dalla sua casa avanzando all’indietro con la mani sulla nuca, mentre alcuni agenti armati sino ai denti gli puntavano le armi addosso protetti da un blindato.

Espionage Act

L’accusa con cui comparirà in tribunale è la violazione dell’Espionage Act, che, ricorda Ansa, punisce con una condanna sino a 10 anni per ogni capo di imputazione “la rimozione, conservazione e trasmissione non autorizzate di documenti strettamente custoditi relativi alla difesa nazionale che potrebbero essere utilizzati per danneggiare gli Stati Uniti o aiutare un avversario straniero”.

Il Pentagono ha definito la diffusione di carte segrete “un atto criminale deliberato”, mentre Biden si è detto “preoccupato” per il leak in sé ma non per le sue conseguenze, almeno a breve.

Come e perchè ha agito

Non è chiaro come un giovane aviatore nella sua posizione potesse avere accesso a documenti così altamente classificati. Ma secondo il Washington Post potrebbe aver avuto accesso a una rete informatica interna del Dipartimento della Difesa per informazioni top secret, denominata ‘Joint Worldwide Intelligence Communications System’.

Da chiarire poi le vere intenzioni di Teixaira, perché dalle prime ricostruzioni sembra quasi una talpa per gioco e per vanità.