Gershkovich, giornalista Usa arrestato in Russia, appare in tribunale a Mosca

Condividi

Il giornalista americano del Wall Street Journal Evan Gershkovich è apparso in tribunale oggi a Mosca, dove ha presentato ricorso contro la sua detenzione con l’accusa di spionaggio.

E’ la prima volta – riporta Adnkronos – che Gershkovich appare in pubblico, in una gabbia, da quando, lo scorso 29 marzo, è stato arrestato dal servizio di sicurezza federale russo a Ekaterinburg con l’accusa di aver tentato di ottenere informazioni riservate su una fabbrica di armi russa. Ieri il giornalista, 31 anni, aveva incontrato in carcere l’ambasciatrice statunitense a Mosca, Lynne Tracy, presente anche lei in tribunale.

Al termine delll’udienza, il tribunale ha disposto che Gershkovich resti in prigione.