Le ‘Colonne’ dell’Arena per il terzo anno all’opera

Condividi

’67 colonne per l’Arena di Verona’ è arrivato al terzo anno. Il progetto di fundraising era stato avviato dalla Fondazione Arena di Verona in collaborazione con il Gruppo Editoriale Athesis in piena pandemia, “nel periodo più incerto e difficile per il mondo dello spettacolo e anche del nostro teatro”, come ricorda la sovrintendente Cecilia Gasdia.
Si era partiti con due founder – Pastificio Rana e Gruppo Calzedonia – affiancati agli sponsor storici del Festival come Unicredit. E in breve all’iniziativa hanno aderito 67 Imprese, ordini professionali e associazioni di categoria.

100 anni da festeggiare

Quest’anno si festeggia il centenario dell’Arena di Verona Opera Festival, che si svolgerà dal 16 giugno al 9 settembre.
Con l’occasione, riparte il progetto delle ’67 colonne’ e fino al 12 maggio è in corso la campagna di prelazione per chi fa già parte dell’iniziativa, con la possibilità di aderire alla membership 2023. Esaurita questa parte, i posti vacanti saranno assegnati fra i numerosi iscritti alla lista d’attesa.

Un po’ di storia

67 erano le colonne che formavano la cinta esterna delle arcate dell’Arena e che furono distrutte da un terremoto nel 1117.
L’iniziativa della Fondazione Arena l’anno scorso è stata premiata dal ministero della Cultura come miglior progetto Art Bonus 2021 e ha inoltre ricevuto il primo premio della sezione Art Bonus di CULTURA + IMPRESA.

Arena 2023

A inizio giugno, in occasione della presentazione della terza edizione delle ’67 Colonne’, uscirà anche una pubblicazione curata da ArtTribune sul valore sociale ed economico del festival.
Il 16 giugno, le Colonne parteciperanno alla prima di ‘Aida’, con cui si inaugura il festival e che sarà trasmessa in diretta da Rai in mondovisione.
E poi una serie di iniziative all’insegna di una ‘Arena Opera Festival Experience‘: una cena stellata nella terrazza che si affaccia su Piazza Bra, ingressi riservati agli spettacoli e nella stone lounge in Arena, un’area dove accogliere gli ospiti con un light dinner prima dell’opera. E da quest’anno la visita in esclusiva al backstage.

Qualche numero

Per il terzo anno il Gruppo Editoriale Athesis sarà a fianco di Fondazione con un nuovo progetto editoriale basato su 67 indicatori sociali del valore economico di Festival.
Un valore quantificato in oltre 400 milioni di indotto, e nell’impiego ogni anno di più di 1.300 professionisti.