Vladimir Putin (Foto Ansa)

La Russia lancia la sua versione di ChatGpt

Condividi

Il servizio si chiama Gigachat ed è sviluppato da Sberbank

Anche la Russia si lancia nella corsa all’Intelligenza Artificiale. La società Sberbank ha annunciato il lancio di GigaChat, versione nazionale di ChatGpt.

Il chatbot per ora è disponibile solo su invito in modalità di test, può “conversare, scrivere messaggi, rispondere a domande” ma anche “scrivere codice” e “creare immagini dalle descrizioni”.
A destare curiosità anche il nome scelto per il programma di AI. GigaChat ricorda infatti GigaChad, stereotipo usato online per definire la figura del maschio alpha, modello spesso esaltato da Mosca e da Putin.

Tecnologie sempre più autarchiche

Secondo l’amministratore delegato di Sberbank, German Gref, il lancio di GigaChat è “una svolta per l’intero universo delle tecnologie russe”.

Dopo l’invasione dell’Ucraina e le sanzioni del mondo occidentale, Mosca si è concentrata a sviluppare tecnologie sempre più autarchiche, rafforzando anche le leggi per regolamentare il settore.