Sabato, domenica e lunedì, un mondo di spettacoli

Condividi

A Milano ricordando Gaber e Alda Merini. A Torino con Ettore Bassi che recita Vecchioni. A Budapest il nuovo debutto di un grande del teatro. E la musica di centinaia di pianoforti

Lorenzo Gleijeses, Eugenio Barba

Olimpiadi a Budapest

Il Teatro di Roma partecipa alla nuova creazione di Eugenio Barba, padre fondatore con il suo Odin Teatret del teatro del secondo Novecento. ‘Anastasis’ (Resurrezione) debutta sabato al Teatro nazionale di Budapest, nell’ambito delle Olimpiadi del teatro 2023. Lo spettacolo, che tocca le diverse fasi della vita, dall’origine alla morte, è un inno al potere dell’esistenza e un omaggio all’arte. Lo interpretano 70 artisti provenienti dall’Ista, la Scuola internazionale di Antropologia teatrale fondata da Eugenio Barba nel 1980. Fra questi, anche l’italiano Lorenzo Gleijeses.

Alessandro Baricco

La musica della città

Dopo l’inaugurazione di venerdì sera con Alessandro Baricco, sabato e domenica Piano City Milano entra nel clou della sua 12esima edizione. Il festival promosso da Associazione Pianocity Milano con il Comune di Milano, il ministero del Turismo e il sostegno del ministero della Cultura presenta oltre 250 concerti, con più di 300 artisti che si esibiranno in 140 location. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero. Se il cuore della manifestazione è nei giardini della GAM (Galleria d’Arte Moderna), quest’anno Piano City si riaprirà però anche per le tante performance musicali a spazi domestici e cortili.

Gigio Alberti

Il monologo di Gigio

La prima volta è andato in scena più di 20 anni fa. Ma la forza comunicativa resta uguale in questo monologo di sfogo e ribellione di un uomo qualunque contro tutto ciò che lo circonda. A interpretare il testo scritto da Raffaello Baldini e messo in scena da Lorenzo Loris è Gigio Alberti che, oltre ad aver più volte recitato con Salvatores (ma anche con Bellocchio: lo si è visto in ‘Esterno notte’), ha avuto un lungo sodalizio teatrale con Loris e l’Out Off di Milano. ‘Zitti tutti!’ è in scena al Teatro Gerolamo di Milano solo sabato e domenica.

Alda Merini (foto Grittini)

La poesia è di scena

Sabato e domenica, al Teatro Studio Melato di Milano, si rappresenta ‘Alda. Parole al vento’. Lo spettacolo dedicato ad Alda Merini è costruito ispirandosi all’autobiografia della figlia della poetessa e al libro ‘Ridevamo come matte’, oltre che ai tanti racconti di amici e persone che l’hanno conosciuta. In scena, la regista Donatella Massimilla, l’attrice e cantante Gilberta Crispino e la Compagnia del Cetec.

Gioele Dix

Il Gaber di Gioele

Continua il ricordo di Giorgio Gaber, scomparso 20 anni fa. Lo tiene in vita anche Gioele Dix che, fino a domenica, interpreta al Teatro Franco Parenti di Milano ‘Per fortuna che c’era il Gaber’. Un buffo monologo sulla Rivoluzione d’Ottobre, il primo incontro di Giorgio e Gioele, pezzi classici come ‘Barbera e champagne’: lo spettacolo, dove Dix recita e canta (accompagnato da due musicisti), ripercorre la storia più e meno nota dell’artista.

Ettore Bassi

M’illumino di cultura

Debutta lunedì (e resta in scena fino al 28/5) al Teatro Gobetti di Torino ‘Il mercante di luce’, dall’omonimo romanzo di Roberto Vecchioni, vincitore del Premio Cesare Pavese 2015. Protagonista è Ettore Bassi, adattamento e regia sono firmati da Ivana Ferri. Nello spettacolo, un professore di greco (come è stato lo stesso Vecchioni), convinto che la cultura sia portatrice di luce e salvezza, vuole trasmettere al figlio questa consapevolezza. Ma non è detto che abbia ragione lui.