Meta richiama i dipendenti in ufficio: 2 giorni di smartworking a settimana

Condividi

Da settembre 3 giorni in ufficio

Dopo gli anni di pandemia e di preferenza per lo smartworking, Meta riorganizza i turni di lavoro dei dipendenti, con l’intenzione di riportarli in ufficio.

L’obiettivo, spiega un portavoce dell’azienda al sito Engadget, è quella di richiedere ai lavoratori, a partire dal 5 settembre, di tornare in ufficio per almeno tre giorni alla settimana.
Resteranno in smartworking i collaboratori che già prima svolgevano i loro compiti da remoto.

Lavoro ibrido

La mossa fa parte di una più ampia strategia di Meta verso il “lavoro ibrido”, un modo anche per ridurre le spese dovute agli spostamenti, soprattutto negli Stati Uniti, dove l’azienda ha il grosso dei suoi uffici.
Meta ha dato il via ad una politica formale di lavoro a distanza nel maggio del 2020, quando era diventato chiaro che la pandemia di Covid-19 potesse durare a lungo. Inizialmente prevista per la primavera del 2021, la riapertura degli uffici è avvenuta, solo parzialmente, a inizio 2022, quando sono cominciati i primi rientri.

Le altre big del tech

Apple e altre importanti aziende tecnologiche hanno abbracciato orari di lavoro flessibili negli ultimi anni, nonostante l’opposizione dei dipendenti, convinti di voler restare in smartworking.
Alcune società, come Spotify, hanno preferito politiche cosiddette “remote-first”, che privilegiano il lavoro da casa o da qualunque posto non sia il classico ufficio.