Chris Licht (Foto LaPresse)

Cnn: lascia l’ad Licht. A una squadra di manager la guida dell’emittente

Condividi

E’ durata poco più di un anno l’avventura di Chris Licht alla guida della Cnn. Nominato presidente e amministratore delegato nel febbraio 2022, il manager ha lasciato il network di proprietà di Warner Bros. Discovery.

Mesi difficili

Da tempo nel mirino delle critiche, Licht ha dovuto affrontare una controversia dietro l’altra. Criticato per le sue scelte editoriali – come la messa in onda di un’intervista a Donald Trump senza un contraddittorio -, oltre che per la sua arroganza, scrivono i media Usa, sotto il suo mandato l’audience di Cnn ha toccato minimi storici.
Da ultimo, nei giorni scorsi, il manager è stato costretto a scusarsi con i suoi dipendenti dopo che in un articolo del magazine Atlantic aveva criticato la performance di Cnn sotto il suo predecessore.

Zaslav: “tempo” per trovare un sostituto

“Per una serie di ragioni le cose non hanno funzionato”, ha commentato David Zaslav, ceo di WBD, annunciando ai dipendenti l’uscita di Licht e assumendosi la responsabilità della situazione.

Ora l’emittente, ha spiegato ancora Zaslav, condurrà “un’ampia ricerca”, internamente ed esternamente, per individuare un nuovo ad. Ma “ci vorrà un po’ di tempo”, ha precisato.
Nel frattempo la guida dell’emittente passa ad interim a un gruppo di dirigenti composto da Amy Entelis, executive vice president of talent and content development, Virginia Moseley, executive vice president of editorial, Eric Sherling, executive vice president per la programmazione americana, e David Leavy, che si occuperà del lato commerciale.