Mediaset. Livolsi: Bolloré inaffidabile e Cairo…

Condividi

«Bolloré non si è dimostrato un interlocutore affidabile per Mediaset. E non credo l’integrazione con Cairo possa portare del valore aggiunto». E’ Ubaldo Livolsi, il fautore della quotazione di Mediaset negli anni Novanta, ad affermarlo in una intervista a ‘la Repubblica’ interpellato su eventuali alleanze con attori globali dei media.

La fiammata borsistica dei titoli della galassia Mediaset? «Naturale in casi come questi. Tuttavia Mediaset è gestita dai figli di Silvio Berlusconi già da anni. Dunque dubito ci saranno importanti cambiamenti dell’azionariato» afferma. Sul futuro dei media e delle aziende della galassia Mediaset Livolsi dice che “il mondo sta certamente cambiando e le nuove tecnologie saranno sempre di più degli elementi di discontinuità. Di fatto però il numero di chi usufruisce dei media aumenta. Ed MFE, grazie alla diversificazione geografica, è in grado di operare con successo” osserva.

Ritiene lui avesse immaginato un futuro per le sue aziende? «Le aziende proseguiranno nel percorso che aveva indicato Silvio Berlusconi. Tutti quelli che gli sono stati vicini hanno realizzato questa visione, che all’inizio poteva sembrare lucida follia. La verità è che aveva sempre ragione lui, nell’economia, in politica e nello sport».