L’aria che tira sui giornali. E ora comincia un “dopo Silvio” pieno di sorprese

Condividi

Non è stato un giorno qualsiasi con un Duomo di Milano, che pareva Westminster nel giorno delle esequie della Regina Elisabetta e un Parlamento chiuso per un’intera settimana, un segno di omaggio – nota il Corriere della Sera – che il Parlamento subalpino aveva riservato solo a Cavour.
Insomma per Silvio un “addio” con i fiocchi, oggi preceduto sui giornali anche da una seconda e ancora più nutrita
schiera di aneddoti, foto d’epoca, battute e ricordi che i tanti fan del Cavaliere gelosamente conserveranno nei loro
cassetti in modo che anche i loro figli nipoti e pronipoti nipoti ne potranno avere contezza. Con Bruno Vespa, l’uomo della “masseria” citato ora anche lui ovunque per essere riuscito a convincere il Cavaliere a togliersi un po’ di cipria –
evidentemente ne aveva messa troppa- prima che, negli studi della Rai, annunciasse il suo primo e irrinunciabile
proposito di “ridurre le tasse agli italiani”.

Ecco però che i giornali non riescono, nonostante che sia un giorno di lutto nazionale, a non andare “oltre”.
Eh sì perché fan e non fan del Cavaliere ora muoiono dalla voglia di sapere cosa potrà accadere all’interno del suo impero dopo la sua solenne sepoltura. Ed ecco che i giornali, per accontentare i propri lettori, danno largo spazio ad un più o meno azzardato florilegio di previsioni. Con testate garbatamente ostili al Cav che danno come probabile una Meloni che, in vista delle elezioni europee, si mangerà Forza Italia “con un solo boccone“, previsione sulla carta attendibile ma prematura perché ancora nessuno ha idea di cosa il Cav abbia scritto nel suo testamento.
Come appare per ora un azzardo prevedere quale potrà essere la sorte di Fininvest, la società da cui dipende anche l’enorme polmone televisivo di Mediaset, la tv che ha più ascolti in Italia.
E non è un caso che la Meloni si sia fiondata già sui giornali con tre righe di commento per dire che sarebbe impensabile che la tv del cavaliere finisse nella pancia di Vivendi o di società straniere.
E altri due quesiti per ora appesi nel vuoto. Il primo è: chi potrà essere- e per fare cosa – il sostituto del Cav alla guida di Forza Italia? E il secondo: come intenderanno muoversi e per fare cosa i 5 figli di Berlusconi? Ed è probabile che da
domani i giornali non parleranno d’altro.
Vale la pena di comprarli perché , nelle loro pagine, scorrerà un romanzo quasi da
premio Pulitzer.