Top programmi tv d’informazione più social: Fazio lancia Rai3 prima dell’addio

Condividi

A maggio Fabio Fazio fa il botto sia per interazioni che per videoviews. Risale il Tg3: la ‘diaspora’ in Rai, l’alluvione e lo scudetto del Napoli dettano legge.

Massima esposizione mediatica per Fabio Fazio in chiusura di primavera. Al centro del dibattito e delle polemiche per il passaggio a Nove, con a ruota i talenti (in primis Luciana Littizzetto) e tutta la macchina produttiva di ‘Che tempo che fa’, vale la pena ricordare che il conduttore e intrattenitore ha fatto ingresso al quindicesimo posto anche nella graduatoria social dei ‘giornalisti’, guidata da Fabrizio Biasin, Gianluca Di Marzio e Nicola Porro.

Del resto ad aprile le ultime puntate del suo show sulla terza rete pubblica, ‘lanciate’ proprio dalle notizie sul trasloco lontano da Viale Mazzini (ad emigrare altrove, alla fine, oltre che Fazio, saranno anche Lucia Annunziata e Massimo Gramellini), hanno fatto grandi risultati di ascolto finendo per battere, in tv, secondo Auditel, perfino la concorrenza di Rai1 e Canale5.

Niente di strano così che nel mese topico di trasmissione, il brand ‘Che tempo che fa’, che già dominava nettamente la graduatoria social dei programmi d’informazione realizzata per Primaonline da Sensemakers, abbia fatto incrementi delle performance da record anche sulle principali cinque piattaforme online. Il programma di Fazio – che ad aprile aveva raggiunto quota 4,6 milioni di interazioni su Facebook, TikTok, Instagram, YouTube e Twitter, con 18,7 milioni di videoviews sulle tre piattaforme a vocazione ‘info’ e video – a maggio ha raggiunto quota 6,4 milioni, con ben 29 milioni di videoviews.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

La terza rete domina la ‘categoria’

Che quello di fazio sia stato un addio forzato o meno, quindi, ‘Che Tempo Che Fa’ ha fatto registrare una crescita rispettivamente del +39% per l’engagement e del +55% per le visualizzazioni video; e questo con benefici che alla fine si sono dispiegati anche sul resto delle proposte di Rai 3. Oltre che con un clamoroso (e vedremo se impattante) effetto lancio per la nuova avventura autunnale della trasmissione prodotta da Banijay. Da verificare, adesso, se la macchina social del programma potrà continuare a produrre contenuti con lo stesso tradizionale logo, o se prima o poi, magari a metà luglio, quando verranno presentati i nuovi palinsesti di Nove, esordirà un nuovo brand informativo ‘faziano’.

Sul podio, al secondo posto è salito il Tg3: quarta con 225mila interazioni e 8,7 milioni di interazione ad aprile, la testata giornalistica della terza rete è salita a 401mila interazioni e 15 milioni di videoviews, forte della sua presa sul territorio in un mese fortemente caratterizzato dalle due ondate alluvionali in Emilia Romagna.

Al terzo posto, invece, è retrocesso ‘Report’, che ha battuto comunque la concorrenza di ‘Propaganda Live’, con il TgR Campania che, acceso dallo scudetto del Napoli, è cresciuto fino al quinto posto. Nella Top 15, tra gli altri appuntamenti con le news regionali, quelli con il TgR Friuli (nono) e quello con il TgR Trentino (quattordicesimo).

Tra le reti, ha dominato quindi la terza rete collocando in graduatoria anche ‘Carta Bianca’, ‘Blob’ e ‘Le Parole della settimana’, in un contesto di offerta di contenuti in cui sono state le proposte di ‘sinistra’ a prevalere complessivamente. Con ‘Piazzapulita’ al tredicesimo posto, mentre la neo-governativa Rete 4 ha piazzato ‘Fuori dal Coro’ al sesto posto e ‘Quarta Repubblica’ al dodicesimo. Tra i TG quindi ancora una volta quello di Rai3 si è dimostrato il più seguito sui social, con Facebook come piattaforma maggiormente presidiata dal notiziario con quasi 400 contenuti pubblicati nel mese. Il Tg2, secondo tra le testate nazionali, è arrivato stavolta all’ottavo posto.

Best Performing Post: Fazio vince sulle tre principali

All’interno della classifica dei Best Performing post è interessante notare come non ci sia un vero e proprio tema dominante. Al di là dei contenuti trattati è tuttavia Facebook la piattaforma più attiva nella diffusione dei contenuti informativi e quella in grado di trainare maggior engagement.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

In tutte e tre le piattaforme in analisi, ‘Che tempo che fa’ ha conquistato la prima posizione per contenuti più performanti, ma è stata soprattutto Facebook a raccogliere le migliori performance faziane con contenuti che hanno avuto per lo più come protagonisti i saluti alla Rai tanto di Fabio Fazio quanto di Luciana Littizzetto. Come eccezione al tema, un post già pubblicato in precedenza sulla vita personale di Elodie. Il racconto della cantante su sua madre che faceva la cubista, però, superando i 3 milioni di interazioni, ha battuto il saluto ‘politico’ al suo pubblico di Fazio su Instagram, arrivato quasi a quota 2,5 milioni. Insieme a ‘Che Tempo Che Fa’ anche ‘Propaganda Live’ appare tra i Top5 best performing post di tutte e tre le piattaforme in analisi, sfoderando Makkox su Facebook, puntando su Paolo Nutini su Instagram e sfottendo Matteo Salvini su Instagram.

NOTA-METODOLOGICA_Classifica_Programmi-dinfomazione