Nord Est Multimedia: in luglio l’accordo con Gedi per i quotidiani del triveneto

Condividi

In arrivo altri industriali nel gruppo che vuole diventare leader nell’informazione multimediale nel Nordest

Si chiama Nord Est Multimedia (Nem) la newco che rileverà i quotidiani locali del gruppo Gedi basati in Veneto e Friuli Venezia Giulia.

I passaggi

La società, costituita qualche settimana fa a Conegliano, è presieduta da Enrico Marchi, presidente di Save (aeroporti di Venezia) e di Banca Finint (che ha sede a Conegliano). Svolta la due diligence, Nem dovrebbe definire con Gedi, entro la prima settimana di luglio, l’acquisizione del ramo d’azienda costituito da sei testate: Il Piccolo di Trieste, il Messaggero Veneto (leader in Friuli), La nuova Venezia, La tribuna di Treviso, il Mattino di Padova, il Corriere delle Alpi di Belluno. L’idea di fondo, come dichiarato fin dal nome della società è costituire un gruppo multimediale che divenga il protagonista dell’informazione a Nordest.

Chi fa parte del progetto

Marchi è il regista della cordata di imprenditori, che si avvia a chiudere una raccolta di capitale di una quarantina di milioni di euro.
Attualmente della società fanno parte: Enrico Marchi (Finint), Alessandro Banzato (Acciaierie Venete, tramite Fin.Steel), Enrico Carraro (Carraro Group, tramite Finaid), Laura Dalla Vecchia (Confindustria Vicenza, tramite Videomedia), Angelo Mandato (Bioman), Francesco Nalini (Carel Group, tramite Athena), Gianni Canella (Alì supermercati), Federico De Stefani (Sit Group), Alberto Zanatta (Tecnica Group, tramite Prime Holding).

Sono attese  a breve le sottoscrizioni di un altro paio di importanti imprenditori veneti e friulani e di un altro paio di operatori dello shipping triestino.

Nel consiglio d’amministrazione di Nem, presieduto da Marchi, siedono per ora Enrico Carraro, il commercialista Alessandro Terrin, Valerio Nalini (figlio di Luigi), Laura Dalla Vecchia (amministratrice di Gruppo Video Media), Francesco Semino (per conto di Banzato) e Paolo Possamai, per anni direttore dei quotidiani veneti e del Piccolo di Trieste, e da marzo del 2022 consulente strategico per la comunicazione e i rapporti istituzionali del gruppo di Marchi. La compagine del Cda, in assonanza con l’ampliamento della base azionaria, dovrà essere rivista entro l’estate.